Gustatio

Vinoforum di Roma, sfida vinta

La XVII edizione della manifestazione enogastronomica più famosa della Capitale si è svolta in sicurezza secondo il protocollo anticontagio

Roma – Dall’11 al 20 di settembre 2020 si è tenuta all’interno del Parco di Tor di Quinto, uno dei più grandi e famosi polmoni verdi di Roma con i suoi 13.000 mq, la XVII edizione del Vinoforum – Lo Spazio del Gusto – che quest’anno è stata caratterizzata dal Covid-19 e dai suoi protocolli anti contagio.
I protocolli redatti e applicati dall’organizzazione sono stati rigidissimi per contrastare il contagio del Coronavirus, l’utilizzo delle mascherine con l’invito ad utilizzarle, la misurazione della temperatura all’entrata della manifestazione, la mancanza di crachoir, detti in gergo sputacchiere, la disposizione dei tavoli, l’utilizzo e l’incentivazione della vendita di biglietti on-line hanno consentito lo svolgersi della manifestazione in sicurezza.
Inizialmente previsto per il mese di giugno, l’evento, è stato rinviato sia per l’emergenza pandemica, sia per dare possibilità alle aziende di essere presenti alla manifestazione visto il susseguirsi di manifestazioni enologiche in tutta la penisola
Dopo mesi di duro lockdown, che ha coinvolto anche il mondo del vino, questa edizione, considerata quella della ripartenza, è stata una sfida vinta dagli organizzatori dell’evento, a cui hanno partecipato 700 cantine con i loro vini, circa 2.500 etichette.
Non c’era solo vino, ma anche ristoranti con i migliori chef di Roma, stand degustativi per degustazioni guidate di vini e oli, le quali erano ad accesso limitato e che per altro sono state molto seguite dal pubblico.
Il pubblico accorso alla kermesse è stato numeroso e di varia natura, c’era chi era venuto solo per bere e girovagava tra uno stand e l’altro assaggiando vini, c’era l’appassionato il quale parlava e rivolgeva domande al sommelier o a chi versava il vino, c’erano gli addetti ai lavori che parlavano tra loro di degustazioni avvenute all’interno della manifestazione o dei vini di questa o quella cantina.
In questo Vinoforum, si è potuto anche notare il differente approccio del pubblico nei confronti del mondo del vino. In questa edizione, il pubblico è diventato più consapevole delle proprie scelte, ossia, chiedeva ed otteneva vino di qualità partendo dai propri gusti personali, questo grazie alle informazioni avute sul web. Sul web si acquista anche il vino, e agli stand di Vinoforum c’erano anche delle enoteche on-line che mostravano e servivano in degustazione etichette di vini in vendita sul proprio sito, per chi voleva acquistare direttamente una o più bottiglie di vino poteva rivolgersi direttamente al wine shop messo a disposizione dall’organizzazione.
Far ripartire le manifestazioni sul mondo del vino era una priorità degli organizzatori di questa edizione della kermesse, divenuta ormai un appuntamento d’obbligo per i romani, e questo obiettivo è stato raggiunto grazie al pubblico, al vino ed agli organizzatori.

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button