Gustatio

UN BIANCO E UN ROSSO…ALLA SCOPERTA DEL LAZIO

Roma- Viaggio sul litorale laziale alla scoperta della cantina La Rasenna che ci propone due chicche: il Merlot per gli amanti del rosso e il Vermentino per chi preferisce il bianco.

Il Rosso. Il Merlot è un vitigno a bacca nera di origine francese, viene dalla regione della Gironda ed è classificato come un vitigno bordolese. Al giorno d’oggi è coltivato in tutto il mondo per via della sua adattabilità. E’ un vino che si presenta di colore rubino con dei riflessi violacei, ciò significa che non è stato fatto invecchiare in botti. Buon segno, è pronto per essere bevuto subito dopo l’apertura. Se facciamo roteare il bicchiere, notiamo, oltre al colore, la densità del vino la quale ci dice che è un vino di corpo. All’olfatto si presenta con odori di frutti rossi, in particolare di amarena, con qualche sentore floreale. Al gusto si presenta ben equilibrato, di sapore secco e con un buon tannino. L’abbinamento consigliato dal produttore è quello che va bevuto con antipasti grassi, con primi elaborati e secondi a base di carne rossa.

Il Consiglio. Quello che consiglio io è di provarlo con primi a base di sughi, anche semplici, e con tutti i piatti della cucina laziale a base di carni rosse. Se si vuole essere temerari, lo consiglierei anche con il baccalà alla romana e con il baccalà alla Veneta.Non lo considero un vino da meditazione, è un buon vino adatto ai principali pasti della giornata. Va servito ad una temperatura di 16°, però preferisco servirlo ad una temperatura più alta di circa 2° per far esaltare i suoi profumi e quel gusto di liquirizia che caratterizza questo vitigno. Generalmente viene servito con bicchieri a calici stretti, tipico bicchiere dei vini rossi giovani, che da un buon grado di ossidazione alla bevanda.

Merlot. La Scheda
Merlot. La Scheda
Viaggio nei vini del Lazio. Merlot, La Rasenna
Viaggio nei vini del Lazio. Merlot, La Rasenna

Il Bianco. Il Vermentino è un vitigno a bacca bianca coltivato, oramai, in tutta la zona tirrenica italiana, con caratteristiche che variano da zona a zona. Il vino si presenta color giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso si hanno odori floreali intensi. Il gusto è secco con una rilevante acidità ma di giusto equilibrio.

Il Consiglio. Gli abbinamenti consigliati dal produttore sono piatti a base di pesce, verdure e formaggi. Lo consiglierei con formaggi di media stagionatura o formaggi freschi, ma lo proverei con una frittata di zucchine. Il produttore lo consiglia anche come aperitivo, io, personalmente non lo consiglierei per questo momento della giornata, per via della sua rilevante acidità.

Vermentino. La Scheda
Vermentino. La Scheda

 

Viaggio nei vini del Lazio. Il Vermentino, La Rasenna
Viaggio nei vini del Lazio. Il Vermentino, La Rasenna

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button