Editoriali

THE LEGO MOVIE: FILM DA NON PERDERE

The Lego Movie, film d’animazione del 2014 diretto da Phil Lord e Christopher Miller, è un film che di primo acchito potrebbe apparire come una classica proposta per soli bambini, ciononostante, dopo una più attenta analisi, ben si può intendere quanto in realtà le tematiche trattate possano interessare anche un pubblico più adulto.

La trama, nient’affatto scontata, racconta di un mondo totalmente formato da pezzi LEGO all’interno del quale vige la più ferrea organizzazione. Nonostante la felicità mostrata da tutti i suoi abitanti, divisi nei vari universi LEGO (città metropolitane, vecchio West, Fantasy medievale e molti altri), ogni cosa all’interno di questo vasto mondo è caratterizzata da regole e libretti di istruzioni. Il più integrato e apparentemente insignificante operaio LEGO, tal Emmet Mattonowski, compresa la triste realtà che si cela dietro a tutta quest’organizzazione (ovvero la volontà di Lord Business di cristallizzare il mondo LEGO in un’immobile perfezione utilizzando la colla, il “Kragle”, per bloccare ogni cosa) e una volta trovato il “Pezzo Forte” (il tappo della colla), reliquia che gli farà affibbiare l’epiteto di “quello speciale”, riuscirà a cambiare le sorti di tutti.

Questo film d’animazione sembra raccontare dell’immobilismo e della cristallizzazione che pensieri autoritari e assolutisti vorrebbero portare nel mondo, della distruzione della creatività dei bambini dovuta a errati comportamenti degli adulti (i quali, nel tempo, tendono a dimenticare la bellezza del Gioco), nonché del superamento dei preconcetti e dei pregiudizi che opinioni formulate esclusivamente sull’apparenza potrebbero portare ad abbracciare. Questi sono solo alcuni dei temi che The Lego Movie tocca brillantemente, senza abbandonare mai un clima di simpatica leggerezza e allegria. Insomma, impresa riuscita per Phil Lord e Christopher Miller, che con ingegno e fantasia hanno saputo regalarci un flim bello e profondo da poter gustare con tutta la famiglia.

Federico Molfese

Tags

Federico Molfese

Laureato in Relazioni internazionali presso l’Università di Roma La Sapienza, ha approfondito i suoi studi seguendo un master in Mediazione interculturale e interreligiosa presso l’Accademia di Scienze Umane e Sociali di Roma. Appassionato di geopolitica e attento a temi quali diritti umani, dialogo nelle sue più svariate forme, fondamentalismi e metodi per la risoluzione dei conflitti, ha svolto diverse conferenze presso alcuni istituti scolastici di Roma. Attraverso un periodo di stage presso l’Onlus “InMigrazione”, nel campo dell’accoglienza dei migranti in territorio nazionale, ha potuto ulteriormente approfondire la sua conoscenza riguardo il rapporto che intercorre tra lo Stato italiano, l’Unione Europea ed il fenomeno migratorio. Per diletto si interessa allo studio delle religioni e della simbologia sacra, nonché all’insegnamento di diverse discipline marziali. Ama storie fantasy di autori come Tolkien, Michaele Ende, Jule Verne e Stevenson e nutre una grande passione per la scrittura.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close