Dossier

SOS MALTEMPO

37 vittime in un mese, l’Italia è in ginocchio. Il numero delle vittime sale a causa dei fenomeni meteorologici sempre più violenti.

L’inverno è appena iniziato e il maltempo ha già fatto le sue vittime: 37 morti in un mese e 32 in una settimana. Un bilancio drammatico, peggiore persino dell’effetto degli uragani nei Paesi tropicali. Un maltempo generato dal grande caldo che ha caratterizzato il mese di Ottobre e questi primi giorni di Novembre, causando un persistente flusso di Scirocco che ha alimentato energia, provocando fenomeni meteorologici disastrosi. 

Le prime vittime risalgono al 5 Ottobre a Lamezia Terme, in Calabria, dove una mamma con i sue due figli è stata travolta da un torrente in piena in strada. A distanza di pochi giorni altre due vittime si registrano in Sardegna causate dalla violentissima alluvione che ha colpito il sud dell’isola. Il 28 Ottobre una vittima a Isola Capo Rizzuto, il 29 i morti a Terracina a causa del tornado; colpiti dal forte vento anche Castrocielo, Napoli, Albissola e Feltre. A Belluno un’altra morte a causa della forte pioggia. Nel primo giorno del mese una morte a Cattolica, due morti in Valle D’Aosta e anche in Lombardia. Il 2 Novembre, poi, un fulmine colpisce l’ennesima vittima in Sardegna.

Tra il 29 Ottobre e il 3 Novembre, in Trentino, una delle regione maggiormente colpite dal maltempo, perdono la vita ben 6 persone.

Alla già critica lista delle vittime si aggiunge, poi, la tragedia del 3 novembre in Sicilia, con ben 9 vittime.

La tragedia a Casteldaccia

È la notte tra il 3 e 4 novembre e le forte piogge torrenziali che colpiscono la Sicilia provocano l’esondazione del fiume Milicia. Acqua e fango trascinano via la vita di 9 persone, tra cui tre bambini. Si tratta di una giornata come le altre; la famiglia si era riunita per trascorrere la giornata in quella villetta che avevano affittato. Quello che non sapevano era che di lì a poco l’impeto della pioggia avrebbe causato conseguenze inarrestabili.

I morti sono Antonino Giordano, 65 anni, la moglie Matilde Comito, 57 anni, Federico Giordano di 15 anni e la sua sorellina Rachele Giordano, di 1 anno, la loro mamma Stefania Catanzaro, 32 anni, Marco Giordano, 32 anni, sua sorella Monia Giordano, 40 anni, suo figlio Francesco Ruhgoo, 3 anni,Nunzia Flamia, 65 anni.

A dare l’allarme è uno dei quattro familiari riuscito a sopravvivere, aggrappandosi ad un albero. “È successo tutto in pochi secondi, all’improvviso l’acqua e il fango hanno sfondato i vetri, tutte le imposte. Non abbiamo più capito niente”- racconta – “in pochi istanti l’acqua ha raggiunto il tetto. Io sono riuscito a uscire e salire sull’albero. Solo per questo mi sono salvato”.

Ora ciò che rimane e solo confusione e un grande vuoto, reso ancora più drammatico dall’allarme abusivismo che incombe sulla villetta di Casteldaccia. Nel 2008 la disposizione di demolizione da parte del Comune. I proprietari, però, hanno fatto ricorso al Tar e la casa è rimasta in piedi.

Una tragedia annunciata che il destino non ha saputo evitare.

Francesca Interlandi

Tags

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close