Si è conclusa anche quest’anno, con grande successo, l’iniziativa “Scuola e attività motonautiche”, tenutasi al Laghetto dell’Eur. Oltre a sfrecciare sull’acqua con le “Formula uno dell’acqua”, i giovanissimi studenti dei licei romani hanno imparato i valori dello sport, della crescita e della condivisione delle regole.

L’iniziativa “LA SCUOLA E LE ATTIVITA’ MOTONAUTICHE”, organizzato dalla Cast Sub Roma 2000, in collaborazione con la Federazione Italiana Motonautica e il contributo della Regione Lazio ha ancora una volta conseguito un grandissimo successo e un numero sempre crescente di consensi. L’innovativo progetto ha dato la possibilità ai ragazzi di entrare in contatto con le attività nautiche in una location unica nel suo genere, la Piscina delle Rose, presso il Laghetto dell’Eur.

Il progetto è stato portato avanti tra metà Novembre e la fine di Gennaio, e ha coinvolto i giovanissimi alunni di numerosissime scuole del territorio, i quali hanno avuto modo, attraverso una facile didattica sia a livello teorico che pratico, di salire a bordo di un’imbarcazione e provare l’ebbrezza della guida. Tra le attività praticate dagli studenti vi è stata anche l’uso del simulatore. Il punto di forza dell’iniziativa è stato il giusto connubio tra l’elemento ludico e quello formativo-educativo: l’obiettivo principale di questo progetto, oltre a quello di sensibilizzare i ragazzi ai valori dello sport, era quello di far conoscere ed appassionare i giovani partecipanti a questa avvincente disciplina sportiva. Sono state toccate inoltre tematiche attualmente di grande interesse ed attenzione. Infatti, gli istruttori impiegati, sono stati capaci di unire il gusto dell’avventura sportiva al rispetto per il mare evidenziando i gravi danni causati dall’incuria e dalla mancanza di rispetto da parte dell’uomo nei confronti dell’elemento liquido. Molti di questi seminari sono stati tenuti dal pluricampione mondiale di offshore e Delegato regionale della Federazione Italiana Motonautica Fabio Bertolacci.

Tra divertimento ed educazione, i giovanissimi partecipanti dell’iniziativa hanno avuto modo di provare l’ebbrezza della motonautica giovanile ma anche di imparare i più alti valori che contraddistinguono questo bellissimo sport e la cultura marinara.

                                                                                                                                                  Michele Porcaro