Gustatio

SAPORI MEDITERRANEI

Ritorniamo in Sardegna, dove ci confondiamo tra pesce e calici di Vermentino. Viaggio enogastronomico nel cuore di un’isola incantata.

Roma- Il Vermentino di Gallura è un vitigno a bacca bianca considerato una variante del più conosciuto vitigno vermentino. Situata nella parte Nord-Occidentale della Sardegna, nelle provincie di Olbia e Sassari, la Gallura è una terra dai terreni granitici e dalle colline che non superano i 500 metri di altezza. Le piante esposte alla brezza marina ed alle escursioni termiche tipiche dell’isola, rendono il vino un prodotto davvero originale. Sebbene il vitigno vermentino è di antichissima origine, solo agli inizi del XIX secolo è stato importato in Sardegna dalla Spagna ed in Gallura ha trovato la sua originalità. Oggi è conosciuto in tutto il Mediterraneo come il vino bianco per eccellenza, persino l’attuale re di Spagna, Filippo VI, apprezza questo vino. Per esprimere tutta la sua bontà, questo vino, deve essere gustato freddo, ad una temperatura che va dai 4 agli 8 gradi centigradi. La Cantina LI SEDDI si trova nella bassa Gallura ed è una delle cantine più apprezzate del territorio, sia per la varietà sia per la qualità dei suoi vermentini. Il vino si presenta in una bottiglia bordognotta. Una volta versato nel bicchiere, il vino è di un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Il profumo è intenso, con note minerali e fruttato. Il sapore è sapido e persistente con un retrogusto amarognolo. E’ un ottimo aperitivo e si abbina bene con frutti di mare, crostacei e tutti i piatti a base di pesce della cucina mediterranea. Io lo consiglio con la Mozzarella di Bufala Campana D.O.P., oppure con le mazzancolle al coccio.

Il Vermentino di Gallura
Il Vermentino di Gallura

 

MAZZANCOLLE AL COCCIO

(GUSTOSI SEMPLICI CROSTACEI)

Le Mazzancolle al Coccio, sono un tipico piatto della cucina mediterranea. In questo piatto, i crostacei, vengono insaporiti con il brandy ed il vino bianco, rendendoli gustosissimi. Di semplice preparazione deve essere gustato ben caldo.

INGREDIENTI

– MAZZANCOLLE 10
– FARINA
– OLIO DI OLIVA
– BRANDY ½ BICCHIERE
– VINO BIANCO 1 BICCHIERE
– SALE
– PEPE
– LIMONE 1

Le mazzancolle al coccio
Le mazzancolle al coccio

 

PREPARAZIONE

Pulite le mazzancolle, togliendo il guscio solo sul ventre, lasciandolo invece sulla testa e sulla coda. Infarinatele e ponetele su un tegame di coccio con olio di oliva crudo. Accendete il fuoco e fatele diventare color rosa soffriggendole, aggiungete il vino, il brandy, il sale ed il pepe. Quando il vino ed il brandy stanno per evaporare, spruzzate il limone e servite subito con un buon bicchiere di Vermentino di Gallura.

Stefano Campidelli

 

 

Tags

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close