Martedì 20/03 ore 17 riunione presso i Servizi Socio Educativi di Via Passeroni

SAN NICOLA PONTE TRA POPOLI E TERRITORIO:AL VIA IL PROCESSO DI PARTECIPAZIONE ISTITUZIONALE

Con il voto all’ unanimità del Consiglio Municipale il Territorio di Ostia ha istituzionalizzato il percorso socio culturale cittadino che fa rete tra le diverse realtà urbane nel segno dell’Identità locale di Ostia, dei collegamenti nazionali e internazionali, dell’incontro ecumenico e del dialogo <<ecco il vero volto di Ostia: antitodo all’ isolamento, alla cultura della ‘cosa nostra’, a fondamentalismi e integralismi>>

In occasione della terza edizione dell’iniziativa “Il Cammino sull’Acqua”, antica processione romana dedicata a San Nicola, che si snoda attraverso un percorso via terra, via Tevere e via Mare di Roma, il Municipio X chiama la Cittadinanza ad animare la tappa di Ostia nella Settimana Nicolaiana (dal 21 al 28 maggio) con iniziative ed eventi nei settori cultura, sport, turismo, commercio e servizi, enogastronomia, cammini e ciclobyke, scienza e tecnologia.
 
E’ bello che l’Acqua sia simbolo e prassi per l’incontro , l’ascolto, il dialogo. Non solo un elemento sempre più fondamentale dal punto di vista biologico, ma l’immagine di un congiungimento tra persone, tra nazioni, popoli, continenti; un Ponte tra tante ‘isole’, un modus operanti per avvicinare, un antitodo al pericolo dell’isolamento, della selezione elittaria, ai fondamentalismi e all’integralismo dei pensieri unici, delle rigidità dei ‘cuori induriti’.

Allora il Cammino sull’Acqua si innesca, in questo senso, in un profondo processo di sensibilizzazione.
Tornando al merito del nostro Territorio, nella progettualità in questione, la riflessione si concretizza anzitutto in un incontro pratico, in una riunione a cui la cittadinanza è invitata: il giorno 20 marzo 2018 alle ore 17;00 in via Passeroni, 24 sono chiamati i rappresentanti di tutte le associazioni del territorio: Comitati di quartiere, Centri anziani, Scuole, Associazionismo, ONG, Associazioni di categoria professionale ed imprenditoriale, PMI, mondo ecclesiastico e dialogo interreligioso.
Sarà l’occasione per presentare il progetto e per definire i successivi incontri e/o tavoli tematici così da definire il calendario degli eventi proposti.

Ostia mostra il suo Vero Volto, la sua Bellezza. Lo squillo di tromba è venuto niente di meno che dal mondo ecclesiale nel percorso, senza precedenti, intrapreso dal Vescovo Paolo Lojudice insieme al popolo sacerdotale e buona parte di quello laico di tutte e Chiese del Territorio, inaugurando così un nuovo corso fatto di ecclesialità e inter parrocchialità verso quella ‘riforma per una chiesa in uscita’ centrata sul Vangelo e tanto cara al Pontificato di Papa Francesco , verso ‘le periferie fisiche ed esistenziali’, a compimento di quel Concilio Vaticano II e dunque sulla via tracciata in questo senso da almeno 4 pontificati precedenti.
Iniziative di incontro tra gli operatori , insegnanti, già da diversi anni hanno intrapreso i loro cammini; in quest’anno però la relazione tra tutte le Parrocchie, anche grazie a iniziativa quali i seminari <Per Amore della Nostra Terra> o le <giornate per la Legalità e la Giustizia>, è cresciuta molto.

E’ un cammino in divenire, questo è chiaro – come si è anche visto nel merito del Cammino sull’Acqua ‘la Via Nicolaia’ delle scorse edizioni – con i suoi momenti di maggiore vigore e altri di elaborazione e riflessione, ma è una pista aperta dalla quale indietro non si può tornare. La lineare continuità pastorale dei Vescovi di Roma (come precisato solo pochi giorni fa da Benedetto XVI in riferimento a Papa Bergoglio) è fuori discussione e quindi le azioni in linea con questo orientamento hanno basi solide e decisamente legittimate.

Che la Chiesa scenda progressivamente tra la gente oltrepassando i muretti e i cortili delle canoniche e certi percorsi esclusivi di qualche movimento è un segno forte.

Forse anche per questo non è rimasta ininfluente la Società Civile verso questa mobilitazione.

Non è una casualità che il percorso culturale su San Nicola di Bari ,‘la Via Nicolaiana’ , il Cammino sull’Acqua, nato dalla memoria storica di un personaggio così caro alle religioni ma in genere all’incontro/ascolto e dialogo tra le culture e i popoli, sfoci anzitutto in un Ponte importantissimo tra la Storia , specie nella cultura cristiana , e l’istituzione Politica.

E’ un grande segno di maturità politica e di consapevolezza storica culturale, nel segno dell’Identità, il voto unanime di tutti i nostri rappresentanti presso il Palazzo del Governatorato.