Situazione ancora difficile sul fronte incendi; nuovi focolari sono divampati ieri tra Raiano e Prezza, trovati cinque inneschi in un uliveto

Oramai la situazione è davvero sfuggita di mano, gli incendi sono fuori controllo e la preoccupazione è che da qui ai prossimi giorni il tutto possa addirittura peggiorare. E’ notizia delle ultime ore che nuovi incendi hanno interessato, a partire dalla tarda serata di ieri, altre zone del monte Morrone, con ben due focolai avvistati tra le frazioni di Raiano e Prezza. Tutta la Valle Peligna sta subendo danni estremamente gravi, negli ultimi giorni sono stati contati almeno 6-8 incendi. E proprio nella notte sono stati trovati ben cinque inneschi in un uliveto, a Prezza; si tratta di sei candelotti che sciogliendosi provocherebbero l’accensione del fuoco. Un metodo questo che, tuttavia, non sarebbe comunque compatibile con le due esplosioni distintamente avvertite dalla popolazione qualche minuti prima che si alzassero, da valle, le due colonne di fumo. Si tratta del più devastante incendio che abbia interessato questa zona a memoria d’uomo, un disastro di chiara origine dolosa provocato da professionisti che non hanno lasciato nulla al caso. Solo uno l’obiettivo: distruggere senza pietà questi meravigliosi territori. La preoccupazione, ora, è che questi piromani possano colpire ancora, per questo tutto il territorio è attualmente presidiato da centinaia e centinaia di rappresentanti delle forze dell’ordine.  

EMANUELE VALERI