Dossier

NUOVO ATTACCO DELL’ISIS

Strage in Iran durante la parata militare. Tra le vittime 29 morti e 53 feriti, tra cui anche bambini.

È di poche ore fa la notizia di un nuovo attacco rivendicato dallo Stato Islamico. Questa volta ad essere messo sotto assedio è l’Iran. Mentre a Ahvaz, nel sud ovest del Paese, si celebra la Giornata Mondiale delle Forze dell’Ordine, un commando di quattro persone in divisa inizia a sparare sulla folla per almeno 10 minuti.

A finire nel mirino degli attentatori militari del corpo di élite dei Guardiani della Rivoluzione ma anche molti civili, tra cui anche donne e bambini, come riportato dall’agenzia di stampa statale Irna.

Ci sarebbero poi numerosi feriti in condizioni critiche.

Gli attentatori hanno attaccato da un parco adiacente, facendo partire i colpi da dietro una tribuna. Due degli attentatori, però, sono stati uccisi.

L’attentato arriva dopo poco più di un anno dall’assalto contro il Parlamento avvenuto a Teheran, in cui vennero uccise 18 persone e oltre 50 rimasero ferite.

Rivendicazioni contrastanti

Attraverso il loro organo di propaganda i miliziani jihadisti  rivendicano l’attacco dichiarando “combattenti dello Stato islamico hanno attaccato un’adunata delle forze iraniane nella città di Ahvaz”.

Ma oltre agli uomini dell’Isis, anche il gruppo separatista Al – Ahvaz, che combatte per i diritti della minoranza araba nella provincia di Khuzestan, rivendica l’attentato.

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zafir, dal canto suo dichiara che il Paese risponderà all’attacco in modo rapido e deciso.

Come fermare il movimento jihadista?

È difficile stabilire con certezza quale sia il metodo idoneo per sradicare alle radici un fenomeno in così forte espansione, capace di agire in maniera improvvisa e capillare. Ciò che possiamo affermare è che l’islamismo politico può convivere con la democrazia qualora i moderati  delle fila jihadiste si facessero portavoce all’interno dei partiti arrivando così a lavorare per un’apertura alle realtà arabe.

Il dato certo è che nessuno può dirsi immune da attacchi terroristici dell’Isis, Italia compresa.

Francesca Interlandi

Tags

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close