Editoriali

NON SI BUTTA VIA NIENTE!

Bisogna fare sempre attenzione agli oggetti che ci passano tra le mani e che potrebbero finire tra le cose di cui decidiamo di disfarci. Ogni oggetto, potenzialmente, potrebbe divenire da collezione e, col tempo, acquistare un valore che va ben al di là di quello che inizialmente gli si potrebbe attribuire.

Se francobolli, figurine, libri o quadri sono alcuni dei classici target dei collezionisti, con il tempo gli oggetti che potrebbero acquisire un grande valore sono divenuti decisamente più numerosi. Ne sono un esempio le videocassette, i VHS. Ormai superate e obsolete, alcune videocassette hanno raggiunto il rango di oggetti da collezione. Si pensi che su e-bay un VHS di Star Wars originale è stato venduto per quasi 100 euro. Al di là del famoso film di Lucas, facendo un giro su e-bay non è difficile trovare aste ben più alte. Il settore dei VHS non è però l’unico, la tecnologia ha potuto regalare agli amanti del collezionismo molti altri oggetti sui quali puntare gli occhi: ad esempio i videogiochi. In molti ancora ricordano i vecchi videogames per pc venduti in grosse scatole vistose o i videogiochi per le prime console. Anche queste reliquie, in effetti, potrebbero aver raggiunto ormai il rango di oggetti da collezione. Si pensi che un singolo gioco per playstation 1 quale è Age of Dragoon, ormai, non lo si potrà comprare per meno di 100 euro. Chiaramente, nel valutarne il prezzo sarà fondamentale tenere conto della rarità dell’oggetto in questione ed il modo con il quale è stato conservato.

Non sfuggono alla logica del collezionismo neanche gli apparecchi elettronici quali, appunto, i pc, le console, i telefonini o le varie piattaforme multimediali che piano piano si sono fatte largo nel mercato. Non è difficile infatti trovare offerte stratosferiche per i primi computer appartenenti alla nota azienda statunitense Apple, di Steve Jobs, tanto per fare un esempio.

Allo stesso modo si tenga conto che telefonini, macchine fotografiche, fumetti, in effetti qualsiasi cosa, potrebbe rivelarsi essere un oggetto da collezione. Addirittura i centesimi che stanno all’interno del nostro portafoglio dovrebbero essere tenuti d’occhio. In tal senso è forse utile sapere che in giro c’è una monetina da un centesimo che potrebbe valere più di 6.000 euro.

Insomma, occhio a ciò che si ha tra le mani e, nel momento delle pulizie di pasqua, sarà bene fare attenzione a muoversi con la giusta moderazione.

Federico Molfese

Federico Molfese

Laureato in Relazioni internazionali presso l’Università di Roma La Sapienza, ha approfondito i suoi studi seguendo un master in Mediazione interculturale e interreligiosa presso l’Accademia di Scienze Umane e Sociali di Roma. Appassionato di geopolitica e attento a temi quali diritti umani, dialogo nelle sue più svariate forme, fondamentalismi e metodi per la risoluzione dei conflitti, ha svolto diverse conferenze presso alcuni istituti scolastici di Roma. Attraverso un periodo di stage presso l’Onlus “InMigrazione”, nel campo dell’accoglienza dei migranti in territorio nazionale, ha potuto ulteriormente approfondire la sua conoscenza riguardo il rapporto che intercorre tra lo Stato italiano, l’Unione Europea ed il fenomeno migratorio. Per diletto si interessa allo studio delle religioni e della simbologia sacra, nonché all’insegnamento di diverse discipline marziali. Ama storie fantasy di autori come Tolkien, Michaele Ende, Jule Verne e Stevenson e nutre una grande passione per la scrittura.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button