Editoriali

NON E’ TEMPO PER NOI

Generazione di perduti o no?

 

Roma-Non è tempo per noi (Una generazione in panchina), è un libro di Andrea Scanzi edito dalla casa editrice BUR nel 2014. Questa edizione è stata rivisitata ed aggiornata dall’autore.

Andrea Scanzi, firma di rilievo del giornale “Il fatto Quotidiano”, ha scritto anche altri otto libri di vario genere, questo però è il primo che riguarda un argomento complesso come quello della generazione dei nati negli anni settanta.

L’autore è uno di queste persone, nato infatti ad Arezzo nel 1974, e fa un ritratto spietato ed auto ironico della sua generazione mettendone in luce tutti quelli che, secondo lui, sono i difetti ed i vizi dei nati in quegli anni.

La mancanza di ideali collettivi, la mancanza di leader italiani o stranieri a cui ispirarsi, la continua ricerca del “pareggio”, fanno si che la generazione anni 70 sia una generazione “in panchina”, incapace di rompere gli schemi e sempre pronta a scaricare le responsabilità dei propri insuccessi sulla generazione precedente.

Attraverso la musica, il cinema e le icone con cui è cresciuta la generazione dei nativi del 70, Scanzi, con un linguaggio non sempre semplice, propone anche delle soluzioni per uscire da questo immobilismo.

E’ una lettura molto interessante, la quale, fa riflettere e fornisce spunti per vedere la realtà con un occhio più critico.

Stefano Campidelli

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button