Gustatio

MOSS

Il profumo del vino bianco

Roma-

Il Moss è un vino bianco della regione italiana del Lazio, cantina LA RASENNA, è un vino bianco che ha come uvaggio uve sauvignon e moscato entrambe raccolte tardivamente.

Le uve del Moss è sottoposte a criomacerazione, per poi essere affinate in silos di acciaio ed in bottiglia.

La criomacerazione è una tecnica di vinificazione successiva alla pigiatura dell’uva ma antecedente alla fermentazione alcolica, consiste nel far stare l’uva diraspata e pigiata per un certo periodo, 12-24 ore, ad una temperatura intorno ai 5°-8°.

Quest’abbassamento della temperatura, assieme al contatto con le bucce, ferma momentaneamente la fermentazione alcolica dell’uva.

Al momento della sua riattivazione, le bucce rilasciano le sostanze odorose proprie del tipo di vitigno.

Questo processo consente di ottenere dei vini molto profumati e, generalmente, si usa molto per la vinificazione dei vini bianchi in modo da innalzarne la qualità.

La bottiglia è una renana, ossia ha la forma allungata, tipica dei bianchi della Renania nel Nord della Francia, è una bottiglia particolarmente adatta a contenere vini bianchi, infatti tutti gli odori del vino vengono concentrati nel collo stretto.

Il colore del vino è giallo paglierino con riflessi dorati.

Il profumo è intenso sia per via della criomacerazione, sia per la presenza di uve moscato, ha anche profumo di agrumi tipici del vitigno sauvignon.

In bocca è secco, sapido, di corpo.

E’ un ottimo vino bianco, il prodotto di punta della cantina, i suoi profumi, davvero intensi, lo rendono perfetto per i piatti a base di pesce, per gli aperitivi e tutti i piatti della cucina laziale.

Stefano Campidelli

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button