Diario di BordoMicro

MARIO ADINOLFI A OSTIA GIOVANI E  FAMIGLIE SOTTO ATTACCO

Mercoledì ore 19 Via Passeroni, Ostia:incontro moderato dall’Ing. Alberto Leo con la Rete delle Famiglie di Ostia Lido

MARIO ADINOLFI A OSTIA GIOVANI E  FAMIGLIE SOTTO ATTACCO

don Roberto e don Mario referenti della Pastorale Giovani del Territorio ‘schierano’ in prima linea il Direttore del Quotidiano La Croce e Presidente del Popolo della Famiglia

E’ un impegno senza precedenti quello che il Direttore de La Croce sta compiendo sul Territorio Ostiense. Mario Adinolfi ex parlamentare, intellettuale di calibro nazionale e internazionale, autore di ‘Voglio la Mamma’ in difesa della donna e della maternità  è già per la terza volta sul Lido di Roma, forse la cittadina più battuta dal leader del Popolo della Famiglia a marcare quanto da Ostia possa partire un forte messaggio alla ricerca di nuovi valori per riedificare un tessuto urbano che è sotto gli occhi di tutti in gravissima sofferenza, da un lato inquinato dal malaffare, dall’altro dall’abbandono di chi lo fugge soltanto pensando a se stesso. Ma una comunità cittadina, una casa comune che vuole vivere un vangelo reale non può fare che della coerenza che nasce dalla prossimità e dalla quotidianità i cardini di una testimonianza credibile.

 

E’ importante essere a Ostia che ‘muore’ non solo di ‘rabbia sociale’ ma anche di distacco, distanza, abbandonoegoismo di quelli che allontanandosene pensano solo a se stessi e si dimenticano della loro casa comune. Anche gli eventi fine a se stessi di certo non aiutano. Per questo pulire e ripulire dagli ‘imbrattamenti’ o risistemare giardini e parchi  certo è qualcosa di bello, ma ciò che serve è una ‘nuova bonifica culturale’, andare in profondità e poggiarsi e fare leva sui valori millenari e alla ricerca di un’identità e punti di riferimento stabili è forse trovare quella roccia capace veramente di fare nuove tutte le cose.

 

“Mercoledì 22 marzo – ci riporta la Rete delle Famiglie Romane di Ostia Lido (Roma – X Municipio) –  il direttore de “La Croce quotidiano” e Presidente nazionale del Popolo della Famiglia Mario Adinolfi, assieme al parroco di San Nicola di Bari Don Roberto Visier, illustreranno infatti, sotto i profili di competenza, cioè rispettivamente mediatico, politico, e legislativo nel primo caso, religioso, morale e antropologico nel secondo, i motivi e le prospettive che spiegano il perché la famiglia appare oggi in Occidente decisamente “sotto attacco”. L’incontro, che sarà introdotto e moderato dall’Ing. Alberto Leo, del Popolo della Famiglia-Roma, si terrà a partire dalle ore 19 nella sala teatro della Parrocchia San Nicola di Bari a Ostia (via Gian Carlo Passeroni 1). Per ulteriori informazioni scrivere all’indirizzo mail ostia.retefamiglieroma@gmail.com oppure consultare il sito www.retefamiglieroma.net.

 

Mario Adinolfi di nuovo scende in campo a Ostia, non abbandona il campo, invita a essere presenti, a tornare nelle parrocchie, nelle strade, tra i quartieri, da Cristiani veri, coraggiosi, pronti a porgere l’altra guancia ma testimoni credibili che sanno dire di NO ai compromessi, senza aprire le porte della corruzione, per difendere il messaggio di  Gesù a volte usato e manipolato.

 

Forti anche del lavoro sinodale sulla Famiglia intrapreso da Papa Francesco e culminato nell’Enciclica Amoris Laetitia le famiglie non solo si difendono ma offrono rilanciandola con vigore quell’immagine inclusiva, accogliente, radicata sull’esempio di Maria Giuseppe e Gesù che può costituire il fondamento di un’intera Società locale seria e adulta.

 

Ancora a San Nicola, di fronte ai Servizi Sociali e all’Ospedale GB Grassi, dopo essere stato presso la Parrocchia Prefettura locale Sant’Agostino Vescovo insieme a Luca di Tolve per mettere in guardia nei confronti di quei ‘miti del falso progresso’ e dall’ideologia Gender che spesso nasconde dietro alla lotta per i diritti un giro di potere e di soldi sfruttando quelle categorie di persone, spesso davvero alla ricerca di una maggiore serenità sociale, piazzando invece pochi furbetti in posti di prestigio o nei gangli esclusivi dove il potere di gestisce, si conserva e si auto alimenta.

 

C’è bisogno di tornare a Ostia per dar man forte di nuovo a quella difesa contro  ‘un attacco scellerato’ che è verso le famiglie e i giovani che si espande indisturbato anche grazie al relativismo di tanti, alla superficialità di molti e al populismo dell’apparire, quell’apparente socialità virtuale dei ‘mi piace e dei condividi’ che rimane a distanza dalla realtà, che non si impegna che con un click, facile, distaccato.  

 

E intanto a livello mediativo, internazionale e nazionale un implemento senza precedenti dei messaggi legati a quella  cultura schiava del dio denaro che ha come intento distruggere e separare le famiglie, renderle flessibili, per soddisfare i bisogni economici che nascono dalle carenze educative ed esistenziali. Un’anarchia emotiva che si muove anche sui Territori.

 

Un’anti cultura, subdolo, spesso rabbioso, serpeggiante, irresponsabile, strumentalizzante, una finta immagine di ‘pace’, una serenità di facciata, un relazionarsi che non è comunità ma ‘comunella’,un chiacchiericcio fine a se stesso, una deriva opinionista e qualunquistica, un’appittimento che rischia di inquinare gli stessi i vivai delle nostre società, le cellule fondamentali della cittadinanza sia a livello globale che locale e che ha un unico dio di riferimento: il denaro in mano a pochi.

 

Certi comunque che il tempo è superiore allo spazio , come ricorda sempre Papa Francesco, la Parrocchia San Nicola di Bari ancora lancia un’altra volta un segnale forte verso il Territorio di presenza, di testimonianza; già da qualche anno ha attivato la Cappellina dell’Adorazione Eucaristica Perpetua, dove ciascuno a qualsiasi ora può andare a pregare (specie vicino all’Ospedale e ai Servizi Sociali) e inoltre ha costruito le docce per i poveri e i servizi igienici per chi si trova in condizione di bisogno. Un vivere il Vangelo concretamente , realmente, con coerenza. Opere e Preghiere.

Questo salva non solo la persona ma può salvare Ostia e il suo Territorio, casa comune, e farci sentire partecipi del disegno di Dio Re della Storia e delle Storie.

Stefano Di Tomassi

Stefano Di Tomassi è Operatore Socio Pedagogico, Insegnante di Scuola Elementare con incarichi amministrativi, Capo Scout, Attore. E' membro dell'Associazione Pedagogisti Educatori Italiani. È il promotore socio culturale dell'Ufficio del Dialogo e della Pace nel X municipio di Roma, deliberato con doc. prot. 10975/2015 . Ha fondato la Ciurma Associazione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button