Il Vescovo Paolo Lojudice riunisce tutti i Parroci di Ostia per iniziare insieme ai fedeli e ai cittadini il cammino di Quaresima e il percorso di riflessione sulle ‘malattie spirituali dei cristiani voluto da Papa Francesco:”è tempo di uscire, dare segni, fare Ecclesia: invito tutti gli Ostiensi di Buona Volontà alla Liturgia Solenne Giovedì 22 ore 21 in Regina Pacis”.

“MAMMA CHIESA”-VESCOVO PAOLO:CRISTIANI,DIAMO ESEMPIO:’CURARE’ OSTIA ‘GUARIRE’ NOI 

Il ‘Riscatto’ di Ostia, il suo Volto, la sua Bellezza passa anche attraverso un movimento senza precedenti che vede le Chiese del Lido sempre più vicine, per la Carità, per la Scuola, per gli Operatori Parrocchiali. Un testo unico per le varie Via Crucis, un Corpus Domini vissuto in tutta la Cittadina.

E’ tempo di essere e fare Ecclesia in Ostia e nel suo Territorio, Chiesa aldilà dei muretti parrocchiali e dei cortili al riparo dalla società esterna, di uscire fuori, di testimoniare ufficialmente questo segno di presenza attiva, di prossimità nel quotidiano, di vita tra i quartieri, le strade, le piazze e poi di offrire a ciascuno la possibilità di essere accolto, di entrare, di non sentirsi escluso, aldilà dei gruppi organizzati, dei movimenti in cammino.

Verrà celebrata Giovedì 22 Febbraio una ‘Liturgia Solenne’ con il Vescovo ausiliare di Roma Sud e Ostia insieme a tutti i Parroci Ostiensi.  L’idea è venuta in seguito ad un incontro di    mons. Paolo Lojudice con i Sacerdoti nel quale è emerso forte il bisogno di riunirsi. Per la celebrazione del 22 nello specifico si tratterà di un evento che verrà replicato in tutta la Diocesi di Roma; ogni Prefettura Diocesana lo vivrà nella sua zona, nel suo quartiere romano, ma “per Ostia – ci dichiara ‘don’ Paolo – ho voluto fare un richiamo particolare perché qui abbiamo davvero bisogno di una sorta di ‘purificazione’ non solo per la criminalità, ma anche per tutto quello che è stato detto, che gli si dice ancora; problemi reali niente da dire, ma io continuo con l’idea di voler di dover esprimere, tirar fuori, anche grazie alla folta Comunità Cristiana Ostiense la parte buona che c’è di Ostia. “

E’ una Chiesa nuova quella che Ostia mostra, non soltanto ai suoi fedeli, ai cittadini ma a Roma stessa. Una Chiesa capace di essere una risposta viva e presente ai messaggi di quella Chiesa nuova che Papa Bergoglio sembra descrivere nelle parole e nelle opere, Chiesa che poi è compimento di un lungo percorso di rinnovamento iniziato dal Concilio Vaticano II passando dunque da ormai 5 Papi in perfetta continuità sebbene nella diversità del linguaggio pastorale.

Una Chiesa che a Ostia mostra chiaramente la sua voglia di creare ponti, di riunirsi e non solo all’interno dell’ambito cattolico, ma oltre. E una Chiesa che mostra la forza dei suoi valori e che in questa linea trova comunione; anche la Lettera congiunta di tutti i Parroci di Ostia sul tema della chiusura della Caritas, solo di qualche settimana fa, testimonia come la fede Cristiana, che i Cristiani di qui siano chiamati a essere presenti tra la gente dei quartieri, prossimi nel quotidiano.

“La Messa di Giovedì – continua il Vescovo Paolo – sarà l’introduzione alla Quaresima sul tema delle ‘malattie spirituali della società. E’ un tema già lanciato da Papa Francesco lo scorso anno, ripreso dal Vicario qualche mese fa nel Convegno Diocesano.  A Ostia in questa linea, sempre durante la Quaresima,  terremo due momenti aperti alla cittadinanza sui temi della Giustizia e della Legalità orientati specialmente verso chi lavora con la gente, nelle istituzioni, nel sociale, le forze dell”ordine, gli operatori, i giornalisti e anche testimoni diretti, gente che ha lavorato contro la mafia, la malavita, che ha reagito insomma. Il 14 e il 21 Marzo con i Parroci stiamo definendo i  dettagli, l’orario preciso. Questo lo annunceremo Giovedì stesso a tutta Ostia.”

Una mobilitazione senza precedenti quella che ormai potremmo chiamare Ecclesia Ostiense, la Comunità Cristiana cittadina che apre in Gesù le braccia anche alle chiese ortodosse e protestanti evangeliche. E’ anche in programma una serie di Incontri per Operatori Pastorali itineranti in diverse Parrocchie Lidensi. L’evento di Giovedì terrà anche a battesimo un movimento di incontro tra Insegnanti di Religione delle varie Scuole sul Territorio chiamati tutti a sentirsi punti di riferimento aldilà delle classi, dei banchi e dei libri di scuola.

E poi vorrei fare la Via Crucis di Gesù con un Testo unico in tutte le Parrocchie Ostiensi; il Tema della Via Crucis del Venerdì Santo sarà proprio la Giustizia, ‘Verità e Giustizia si rincontreranno’, è un passo del Profeta Isaia. Sarà preparata da tutte le Parrocchie, divideremo una o due stazioni per Parrocchia, ciascuna la vivrà con la sua Comunità o al limite alcune si collegheranno se vicine, ma il Testo sarà unico in tutta la città. Ecco, gli itinerari saranno distinti, ciascuno li farà secondo i suoi usi e tradizioni, ma il punto è ‘avere un documento unico, avvicinarsi, imparare un chiamiamolo Linguaggio cittadino’. E spero tanto che per il Corpus Domini si riesca addirittura a viverlo con la Città di Ostia. L’idea è quella di porre dei Segni, di non rimanere zitti, fermi a guardare, ma invece dare dei piccoli segni che la Comunità Cristiana della Città si muove per tutti i cittadini. Uscire dalle situazioni di ‘nicchia’.

E infine anche organizzare qualche esperienza fortemente religiosa e spirituale anche l’Estate; noi siamo abituati qui a Ostia a vivere un po’ l’Estate come le Parrocchie Romane che ad Agosto, ad esempio, chiudono tutto e fermano un po’ le loro attività, ma Ostia è Ostia e anzi la vita in quel periodo aumenta addirittura.

Sarebbe bello dedicare una Settimana di Eventi. Sarebbe bello ‘uscire fuori’ dalle Parrocchie verso la Città proprio come ci indica continuamente il Vescovo di Roma , Papa Francesco.”