Storie dal Mondo

LUPIN A HATTON GARDEN

Una zona incredibilmente ricca, una banda di rapinatori inaspettata ed un bottino di 21 milioni di Sterline. Dopo un anno, Scotland Yard ha ricostruito i fatti

Londra (dalla nostra corrispondente)- Il nome Hatton Garden è derivato dal giardino della residenza di Londra del Vescovo di Ely chiamato Ely Place, che è stato donato a Sir Christopher Hatton da Elisabetta I nel 1581. L’area che circonda Hatton Garden è stata il centro del commercio di gioielli di Londra fin dal Medioevo. Hatton Garden che è una strada nel distretto di Holborn nel quartiere londinese di Camden adesso è famosa non solo perché sede delle gioiellerie di Londra ed il centro del commercio di diamanti del Regno Unito, ma anche per quello che è stato definito il più grande furto della storia legale inglese.

È una storia vera, scritta per il grande schermo dal produttore Arthur Sarkissian che vede come interpreti quattro uomini anziani, di età compresa tra 76 e 58, capi dell’incredibile crimine accaduto durante il fine settimana di Pasqua dello scorso anno, fruttato un bottino di 21 milioni in oro e gioielli.

Apparentemente non erano solo alcuni vecchi ragazzacci. In realtà avevano una carriera criminale alle spalle, si è scoperto poi che, erano responsabili anche di alcuni dei più grandi furti della storia inglese. Una volta catturati, Scotland Yard ha rivelato che la banda aveva trascorso quasi tre anni a pianificare il furto. Erano stati reclutati altri quattro uomini, e quando furono al completo, ha impiegato quattro giorni per entrare nel cavò di Londra del Hatton Garden e svaligiarlo.

La banda dei Lupin di Hatton Garden
La banda dei Lupin di Hatton Garden

Si sostiene abbiano avuto accesso al piano sotterraneo attraverso il vano ascensore, e una volta raggiunto il luogo che custodiva il tesoro, hanno usato una smerigliatrice angolare e piedi di porco per forzare le porte. Ma è stata una punta di diamante che ha permesso loro di tagliare i 20 pollici di muro rinforzato in cemento e fare irruzione nel cavò dove hanno aperto 73 cassette di sicurezza prima di fuggire in un furgone in attesa all’esterno.

Quattro uomini, sono stati condannati e incarcerati per un massimo di 12 anni, e adesso finalmente sembra che abbiano individuato anche l’unico componente non ancora identificato il quale sembrerebbe essere un ex appartenente alle forze della polizia.

A distanza di tempo dall’accaduto a Londra ed in tutta l’Inghilterra si continua a parlare con meraviglia e disapprovazione di questa banda di uomini che potrebbero essere dei nonni qualunque, che hanno però compiuto veramente l’incredibile.

Livia Iraci

Tags

Livia Iraci

L’ultima dei romantici. Scrive da quando ne ha memoria, anche da piccola in classe appuntava tutto quello che capitava su un quaderno che doveva invece servire a fare esercizi matematici. Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul linguaggio non verbale, ha collaborato con giornali Online ed è alla ricerca di se stessa e per farlo ha cominciato da Scarborough piccolo paese dell’ Inghilterra.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close