Dossier

LO SFREGIO E L’ORGOGLIO

Hanno rubato la targa del giardino David Tobini, inaugurato nell’aprile del 2013. Venerdì scorso, qualcuno aveva danneggiato la lapide in ricordo del parà caduto in Afghanistan. Ieri notte, il furto.

Roma- Prima lo sfregio della lapide in ricordo, poi il colpo finale con la targa toponomastica smontata e portata via. Non c’è pace per il parco a Roma intitolato a David Tobini, il paracadutista della Folgore caduto nel 2011 in Afghanistan. È stata la madre del parà a fare la triste scoperta. “Anche questo ci tocca subire. Il peso che portiamo non basta?”. A parlare è Annarita Lo Mastro, la mamma che ai funerali del figlio ha indossato il basco amaranto. Una donna colpita dal dolore, ma mai non rassegnata. Si era recata nell’area verde che porta il nome del figlio per lasciare qualche fiore e dare una sistemata al giardino, dove l’Ama passa poco e niente ed è per questo che a curarlo sono le persone di buona volontà che nel silenzio di tutti i giorni puliscono, raccolgono e portato un pensiero al giovane parà. Due offese nel giro di 24 ore. Dispetti che hanno il sapore della sfida e su cui ora indagano i carabinieri della stazione di Monte Mario. Soltanto l’altro ieri, infatti, ignoti attaccarono la lastra di marmo che ricorda i meriti di David, scomparso all’età di 27 anni compiuti da un giorno. Ingiurie e parolacce lasciate con un pennarello indelebile e su cui era già stata presentata una denuncia. Ma non c’è stata tregua. Il tempo di una notte che la stessa mano vandalica è entrata in azione. Qualcuno si è arrampicato per sfilare via la targa di marmo della toponomastica dove era scritto “Giardino David Tobini”. Per gli inquirenti si tratta di furto e ora è caccia al cartello. Gli uomini del 112 hanno predisposto una serie di controlli in zona e tendono a circoscrivere le indagini intorno a gruppi anti militaristi. Ad essere passati al setaccio, anche alcuni ambienti politici di Roma Nord e del caso potrebbe interessarsi anche la Digos. Tra le ipotesi di reato che potrebbero figurare, oltre a quella di furto, c’è quella di oltraggio alla memoria. Il caporal maggiore scelto David Tobini, medaglia d’oro di vittima del terrorismo, ha perso la propria vita per salvare i suoi commilitoni durante un combattimento. Questo non lo racconta chi a David voleva bene, questo le dice un decreto del Presidente della Repubblica. “Ero andata al parcospiega Annarita Lo Mastroper ripulire quelle scritte. Avevo con me candeggina e acetone. Purtroppo ieri non ce l’avevamo fatta a rimuoverle. Non potevo permettere che al nome di mio figlio fossero accostate quelle parole. Appena sono entrata nel giardino ho visto che mancava la targa con il suo nome. È come se lo avessero colpito un’altra volta”. Adesso, l’appello è rivolto alle istituzioni: dal sindaco Marino al ministro Pinotti, affinchè questa donna non venga lasciata da sola. Con la discrezione di chi non ha nulla da chiedere, se non il rispetto. “Devo andare avanti per mio figlioconclude Annarita e continuo a lottare contro questi atti di disprezzo”. Qualcuno diceva che ci sono momenti, nella vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre. È arrivato quel momento. E Annarita non è sola.

Mirko Polisano

IL GIARDINO DAVID TOBINI

Foto di Simone M. Mancini

 

 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
 Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Annarita Lo Mastro, mamma di David Tobini
Annarita Lo Mastro, mamma di David Tobini
Annarita Lo Mastro, mamma di David Tobini
Annarita Lo Mastro, mamma di David Tobini
Il comandante del Coi, Generale Marco Bertolini all'inaugurazione del giardino David Tobini
Il comandante del Coi, Generale Marco Bertolini all’inaugurazione del giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini
Inaugurazione Giardino David Tobini

 

 

Tags

Mirko Polisano

Giornalista embedded a seguito del contingente italiano nelle aree di crisi. E'stato inviato in Kosovo, Afghanistan e Libano. Ha seguito il terremoto de L'Aquila e il G8; l'emergenza immigrazione della Sicilia, la crisi libica e la Primavera Araba, inviato in Maghreb ad un anno dalla Rivoluzione. Ha raccontato le divisioni di Belfast e gli orrori di Auschwitz e Birkenau nel Giorno della Memoria. E' autore del libro "Storie Lontane. Racconti di vita in Afghanistan". È collaboratore del quotidiano Il Messaggero.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close