Dossier

LEGITTIMA DIFESA SI, MA SOLO DI NOTTE

Fa discutere la legge approvata dalla Camera sulla legittima difesa. Scattano le proteste che contestano la reale risoluzione del problema sicurezza.

225 favorevoli, 166 i contrari e 11 astenuti, questi i numeri con i quali viene approvata la nuova legge che modifica gli articoli 52 e 59 del codice penale e che considera legittimo sparare ai ladri in caso di rapina, ma solo se ciò avviene di notte. Il provvedimento che ora passerà a Palazzo Madama, considera legittima difesa la risposta ad un’aggressione in casa, negozio o ufficio che sia commessa durante la notte, con violenza, minaccia o inganno.

La legge ha creato forti malumori tra le forze politiche coinvolte e soprattutto tra gli esponenti del centrodestra che contestano il testo approvato dalla Camera e proprio Mariastella Gelmini ha dichiarato “non siamo interessati ad issare la nostra bandiera su questo tema, ma neppure ci possiamo accontentare di una formulazione inefficace. Non siamo per la difesa ‘fai da te’ , ma di fronte al pericolo riteniamo debba essere garantito il diritto alla difesa”. Concludendo che il testo della nuova legge sulla legittima difesa non sia adeguato al bisogno di sicurezza degli italiani. Secondo l’esponente di Forza Italia, infatti, una persona che è costretta ad usare un’arma per difendersi ha già vissuto un momento drammatico di paura e pericolo e che sottoporlo ad un procedimento giudiziario nel quale deve giustificare le sue azioni sia un’aggravante al suo status mentale.

Dal canto suo Davide Ermini (Partito Democratico), relatore della legge risponde alle critiche dichiarando che “Non servirebbe togliere la parola notte, ma se è l’elemento per cui si deve fare una campagna elettorale contro, allora la togliamo. Se il problema è la notte, noi la togliamo: vuol dire che non è stato percepito quello che c’è realmente nel testo” e spiega che la locuzione ‘notte’ altro non è che una  locuzione che si utilizza nei testi legislativi per indicare una situazione di “minorata difesa”.

Ora non resta che aspettare la risposta di Palazzo Madama per vedere cosa ne sarà di questa legge sulla legittima difesa.

Francesca Interlandi

Tags

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close