Sono intorno a noi ma non ce ne accorgiamo, finché la notizia di una bambina che ruba le scarpe di Spiderman del fratello non ci risveglia dall’ipnosi delle “ninna nanna” pubblicitarie in cui ci culliamo.

La notizia arriva dagli Stati Uniti e la protagonista è una bambina di appena due anni che con la sua innocenza ha sollevato una tematica importante come quella delle imposizioni sociali che ci vengono inconsciamente inviate dal marketing dei brand di moda. La piccola, infatti, girando per il centro commerciale con il padre ed il fratello aveva scelto di comprarsi delle scarpe di Spiderman che il padre, però, non è riuscito a trovare se non in versione maschile.

E così Qasim Rashid decide di scrive un Tweet alla nota catena di discount Target, la seconda più grande negli Stati Uniti, scrivendo: “Hey Target, ho comprato a mio figlio di quattro anni le scarpe di Spiderman, e ora anche mia figlia di due anni le vuole. Ma tu non vendi scarpe di Spiderman che si adattino a bambine di due anni. Anche quando le cerco, l’unico risultato che trovo sono le scarpe per ragazzi”. Un mancato acquisto che ha provocato le lacrime della bambina ed una lite con il fratello più grande; il motivo? La piccola doveva accontentarsi di scarpe da ginnastica “normali”, senza il volto dell’amatissimo eroe della Marvel.

Il padre, un avvocato e attivista per i diritti umani, con un semplice Tweet ha sollevato una scia di commenti provenienti dai suoi followers che hanno confermato la discrepanza di genere che molte catene di brand seguono: “Ho una figlia che ha cercato una maglia che non fosse rosa, non avesse brillantini e non avesse scritte di ispirazione femminile. Né Target né OldNavy l’avevano!” e un altro utente ancora “È triste, e questo è colpa dei negozi e dei produttori di abbigliamento che fanno sezioni diverse per ragazzi e ragazze. Mettete insieme i vestiti e lasciate che i bambini scelgano quello che vogliono!”.

Un suggerimento che forse verrà accolto dalle note catene di abbigliamento? Per ora Target non ha ancora risposto alle critiche.

La storia si è comunque conclusa con un sorriso e con un video postato da Qasim in cui si vede la bambina che cammina un po’ impacciata con ai piedi le scarpe di Spiderman; che siano del fratello a lei non importa e tanto meno che sia state pensate solo per essere indossate dai maschi.

Francesca Interlandi