Dossier

L’ADDIO NEL SILENZIO

È morto a Roma Claudio Caligari, il regista outsider del cinema italiano famoso per il film cult degli anni ‘80 “Amore tossico”. Lo scorso mese aveva finito il montaggio del suo terzo film “Non essere cattivo”, prodotto dall’amico e attore Valerio Mastandrea.

Roma- Ieri mattina, nella chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo, si sono tenuti i funerali di Claudio Caligari, scomparso a Roma lo scorso 26 maggio all’età di 67 anni dopo una lunga malattia. A dargli l’ultimo saluto, oltre alla famiglia, c’erano anche tanti amici, tra questi alcuni volti noti del mondo dello spettacolo come Marco Giallini, Valerio Aprea, Claudio Amendola e ovviamente Valerio Mastandrea che è stato protagonista di un suo film, “L’odore delle notte”. In chiesa c’erano anche molte persone comuni, passanti e turisti curiosi, come una signora che durante le esequie mi si è avvicinata e mi ha chiesto: “Chi è morto?”. “È morto il regista Claudio Caligari, quello di ‘Amore tossico’”, le ho risposto. “Non lo conosco. Sarà stata una brava persona però vista tutta questa gente”. Quello che sicuramente è mancato ieri alle sue esequie è stato il tributo che un uomo come Caligari avrebbe meritato di ricevere almeno nel giorno del suo addio. Quel tributo che non gli è mai stato dato in vita e che gli ha impedito di realizzare altri progetti cinematografici: dopo il successo del film cult “Amore tossico” del 1983, vincitore da outsider del Premio De Sica alla mostra del cinema di Venezia, è venuto “L’odore della notte” nel 1998, poi un lungo silenzio.
La locandina del film Amore Tossico
La locandina del film Amore Tossico

 

“Muoio come uno stronzo. E ho fatto solo due film”, disse di sé Caligari come ci racconta Valerio Mastandrea nel ricordo del suo “maestro” pubblicato in rete. Non so se fosse davvero stronzo; sicuramente era un regista, una cineasta come pochi ce ne sono stati in Italia. Il padre di “Amore tossico” ci lascia ma prima di andare via è riuscito a realizzare il suo sogno di produrre un nuovo film dal titolo “Non essere cattivo” e ci è riuscito soltanto grazie al sostegno dell’amico Valerio Mastandrea che ha mosso mare e monti per raccogliere finanziamenti e credito per il suo ultimo lavoro.
L’ultimo film di Caligari  “Fine film. Ce l’hai fatta, Maestro!”. Con questo tweet Mastandrea un mese fa aveva annunciato la fine del film “Non essere cattivo” ,  il ritorno alla regia per Claudio Caligari dopo quasi vent’anni.
Il tweet di Valerio Mastandrea che omaggia Claudio Caligari
Il tweet di Valerio Mastandrea che omaggia Claudio Caligari

 

“Non essere cattivo” ha come protagonisti Luca Marinelli e Alessandro Borghi; tra gli altri interpreti, Silvia d’Amico e Roberta Mattei. Scritto dallo stesso Caligari con Francesca Serafini e Giordano Meacci, e con produttore delegato Valerio Mastandrea, il film racconta una storia ambientata negli anni ’90 a Ostia e nella periferia romana, gli stessi luoghi dove Pasolini faceva vivere, amare e soffrire i personaggi dei suoi film. Quelli che una volta erano detti “ragazzi di vita”. “Non essere cattivo” sarà presentato a settembre alla Mostra del cinema di Venezia. Chissà che non si ripeta quello che accadde nell’ormai lontano 1983.

 

IL VIDEO DEI FUNERALI DI CALIGARI:

(Servizio di Chiara Ferraro. Montaggio di Antonio Apostolico)

 

https://youtu.be/e9E2wJOyKJc

IL RICORDO:

Di seguito il ricordo che Valerio Mastandrea ha pubblicato sul blog Tumblr Rivamesta
Senza titolo-1

 

Chiara Ferraro

Chiara Ferraro

Giornalista pubblicista e addetta stampa, è laureata in Comunicazione presso l’università La Sapienza con una tesi sperimentale su Instagram. Ha collaborato con diverse testate, sia cartacee che online, con Radiosapienza e con la webtv Uniromatv. Appassionata di social network, ha lavorato anche come community manager e social media manager. Attualmente è stagista presso l’Ufficio stampa del Garante per la protezione dei dati personali.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button