Storie dal Mondo

LA MISSIONE DI KING

A 43 anni di distanza dalla morte di Martin Luther King, il rispetto dei diritti civili della comunità nera in America è ancora un problema attuale. L’insegnamento del reverendo protestante non può restare inascoltato.

Roma- Il 4 aprile 1968 muore a Memphis, ucciso da un fucile di precisione, il reverendo Martin Luther King. Il pastore protestante, politico e attivista dei diritti civili, si è battuto contro la situazione di segregazione e negazione dei più elementari diritti civili alla comunità nera, diritti che nonostante la firma da parte del Presidente Eisenhower del Civil Right Act per promuovere l’effettivo diritto di voto per tutti gli afroamericani, venivano costantemente negati con degli espedienti legali. Quasi cinquant’anni dopo, alla fine del secondo mandato di un presidente nero, sarebbe scontato pensare a quegli avvenimenti come a storia passata, mentre dallo stesso presidente Barack Obama nel suo recente discorso del 7 marzo, nella commemorazione degli avvenimenti di Selma, che si rinnovano le preoccupazioni per il mancato raggiungimento della completa eguaglianza di diritti, o quantomeno di trattamento da parte di porzioni dello stato, degli americani di colore. La recente inchiesta federale sui fatti di Ferguson, dove un ragazzo di 18 anni è stato assassinato da un poliziotto, ha reso evidente una fortissima e violenta componente discriminatoria nei confronti della popolazione di origine afroamericana da parte della polizia locale, un sistematico accanimento che ci parla di come la missione del reverendo King, e di tutti gli attivisti come lui per l’uguaglianza razziale, sia ancora lontano dal compiersi.

 

 

Patrizio Ricciatti

Nato a Roma nel 1982, coltiva da subito la passione per il teatro e la recitazione. Avido lettore di letteratura antica e moderna , appassionato di cartografia e di archeologia, si laurea a Roma Tre in scienze storiche del territorio per la cooperazione internazionale, dove impara a seguire la politica con il distacco tipico dello storico. Attualmente lavora come grafico in una piccola agenzia del litorale romano.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button