Pianeta Cultura

Kathrine Switzer non smise di correre!

Nel 1967 a Boston si correva la maratona, l’evento era aperto solo agli uomini ma quell’anno Kathrine Switzer non si fermò davanti a nulla e continuò la sua corsa…

Kathrine Virginia “Kathy” Switzer nasce in Baviera il 5 gennaio 1947. Attivista statunitense e maratoneta, è divenuta famosa in tutto il mondo per la l’impresa compiuta, è stata infatti la prima stata donna a correre la maratona di Boston nel 1967, ed è grazie a lei e alla sua determinazione se le donne di oggi possono partecipare a tutti gli eventi sportivi. Successivamente, partecipò anche alla maratona di NewYork.

Per il suo atto eroico è stat nominata ambasciatrice diventando icona femminile sia nella corsa che nella lotta per i diritti delle donne che in quegli anni non potevano prendere parte alle manifestazioni sportive come la maratona di Boston perché considerate troppo deboli. Kathrine intelligentemente è riuscita a raggirare il divieto iscrivendosi alla gara come K.V. Switzer, non scrivendo quindi il suo nome per esteso. Ha partecipato alla gara con il suo famoso numero 261. Quando i giudici si sono accorti che a correre era una donna, hanno fatto di tutto per fermarla ma Kathrine Switzer è riuscita a divincolarsi. L’ aggressione è stata impedita anche grazie all’ aiuto del fidanzato, questo le ha permesso di concludere la gara in 4 ore e 20 minuti.

La reazione dei giudici ottenne l’effetto contrario incentivando molte altre donne ad ad agire nella stessa audacia maniera e, ispirate da Kathrine, presero parte al movimento atletico femminile. Nel 1972 il regolamento fu finalmente modificato.

La sua partecipazione a quella maratona ha ispirato altre donne facendo crescere il numero di partecipanti al movimento atletico femminile ed il fenomeno fu così eclatante da rendere la corsa una disciplina femminile da inserire tra le specialità olimpiche nel 1984 per Olimpiadi di Los Angeles.

Correre e non scappare. Correre e andare incontro all’evoluzione di una società che vuole le donne protagoniste – quanto gli uomini – dello sport e della propria vita.

 

 

Maria Perillo

Maria Perillo è nata a Napoli il 07.12.1983. Graduato dell’Esercito Italiano, blogger, scrittrice e Life Coach. Appassionata di tecniche della comunicazione, attualmente studia presso una scuola di leadership e tecniche di comunicazione

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close