Gustatio

IL MUSCADET

L’ORGOGLIO DELLA LOIRA

 

Roma-Il Muscadet è un vino bianco francese della regione della Loira, prodotto in particolare vicino la città di Nantes.

Il vitigno con cui è prodotto questo vino è il Melon de Bourgogne, che venne piantato in quelle zone al tempo di Luigi XIV, dopo il “Grande Inverno” del 1709 perché aveva la particolarità di resistere bene alle basse temperature.

E’ un vino molto popolare nella regione della Loira, tanto è che viene chiamato dagli abitanti della città di Nantes Vin de Vallet.

A differenza di molti altri vini francesi che prendono il nome dal luogo di produzione e dal vigneto più pregiato, questo vino prende il nome da una sua caratteristica organolettica, ossia ha un gusto “muschiato”.

Questa caratteristica viene particolarmente esaltata da una tecnica di vinificazione chiamata Sur lies, tale tecnica consiste nel macerare il vino fermentato sulle proprie fecce per un intero inverno.

Il Muscadet è riconosciuto come AOC, Appellation d’Origine Controllè, equivalente in Francia alla DOC, Denominazione di Origine Controllata, italiana fin dal 1937.

E’ diviso in quattro denominazioni, la prima è Muscadet-sevre-et-Maine, che è quella più comune, più produttiva, la seconda è Muscadet-cotes-de grandlieu, che è quella di più recente costituzione, la terza è Muscadet-coteaux-de-la-Loire, che è quella che si adatta meglio all’invecchiamento in bottiglia, l’ultima è Muscadet, che viene prodotta un po’ ovunque.

Altra caratteristica del Muscadet, è la bottiglia.

La bottiglia è di forma più affusolata, rispetto a quelle normali, per risaltarne il profumo ed appena sotto il collo è incisa la scritta Sur Lies.

Al bicchiere si presenta giallo paglierino chiaro, senza riflessi di nessun genere, l’odore è poco intenso con sentori di mela.

Al gusto si presenta secco, leggermente abboccato, sapido, non acido.

Gli abbinamenti consigliati sono quelli con piatti a base di pesce, specialmente con i frutti di mare e formaggi di latte di capra.

E’ un vino bianco eccellente, il vino bianco della Francia del Nord e giustamente orgoglio dei nantesi

Anche questo vino, come per la maggior parte dei vini francesi, va bevuto dopo qualche anno dalla vendemmia per esaltarne la maturazione.

Il vino bianco francese che preferisco, non di grande acidità, adatto a tutte le occasioni.

Stefano Campidelli

 

 

Tags

Stefano Campidelli

Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, sviluppa il suo interesse per il mondo dell'editoria on-line. Divora riviste, giornali e tutto ciò che è attualità, inchiesta e approfondimento. Ama il collezionismo e i libri di genere storico o fantasy, come viaggiare su due binari paralleli. E' appassionato e cultore di vini e della buona gastronomia. Oltre che delle vere tradizioni popolari. Romane, soprattutto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close