Micro

IL GRAN DEBUTTO DEL MUSEO DI ECOLOGIA A CESENA

Un nuovo inizio per il Museo di scienze naturali in piazza Pietro Zangheri: anche il National Geographic in città per l’inaugurazione del 15 dicembre.

Cesena – Aprirà le porte il 15 dicembre alle 17 per la prima volta il rinnovato Museo dell’Ecologia di Cesena, già Museo delle Scienze Naturali accanto a Palazzo Albornoz, in piazza Pietro Zangheri. La sua gestione è a cura delle associazioni Parco del fiume Savio, Via Terrea e Orango, oltre che da un rinnovato comitato scientifico presieduto da Daniele Zavalloni insieme a Elena Lolli, Marco Dellarosa e Francesca Lucchi. Sono già attivi alcuni spazi: un ampio salone espositivo e una sala conferenze. Il camminamento che conduce al torrione di piazza è invece ancora in fase di ristrutturazione. Ben presto sarà adibita anche una stazione metereologica, una zona dedicata agli uccelli rapaci e interessantissime sale dedicate ai cambiamenti climatici e all’ambiente marino. Già da aprile 2019, alcuni di questi spazi saranno aperti al pubblico.

Il nuovo assetto è il risultato di un investimento partito da più fronti: 5mila euro (oltre alle spese di ristrutturazione) sono stati forniti dal Comune di Cesena; 1500 euro invece dall’associazione orango. Secondo il bando, che prevede una durata di assegnazione di tre anni, verranno disposti altri fondi nel prossimi anni per un totale di 15mila euro. Un sostegno è stato fornito anche dall’impresa del settore agrumi “Citrus”, non solo in veste di sponsor ma una vera collaboratrice.

Nonostante le numerose modifiche, a partire dal nome del museo stesso, rimangono salde alcune costanti che hanno caratterizzato la gestione degli anni passati: prima di tutto le le attività ludico-scientifiche rivolte ai più giovani. La funzione educativa di questo rinnovato punto di incontro scientifico culturale viene rafforzata dalla nuova organizzazione: «Il cambiamento di nome – ci dice Daniele Zavalloni – non è casuale: vuole sottolineare il messaggio che il museo trasmetterà. L’ecologia è un patrimonio di tutti, non solo di chi si occupa di natura. La nostra aspirazione è che questo museo possa diventare un polo di coordinamento per tutti i musei della Romagna, e ci arriveremo attraverso il coinvolgimento di varie realtà, a tutti i livelli».

L’attività volta ai giovanissimi verrà ora integrata con una connessione al mondo universitario. Andrea Boscherini ha comunicato che l’associazione Orango è già attiva per istaurare una convenzione con l’Università di Bologna, affinché ricercatori di ogni livello e tesisti possano trovare nel Museo dell’Ecologia una base per le loro indagini.

L’inaugurazione avverrà sabato 15 dicembre alle 17. Sarà possibile visitare i primi locali sistemati e partecipare a una tavola rotonda con lo youtuber Willy Guasti, mentre Andra Boscherini e Lorenzo Rossi parleranno dei lupi tra realtà e finzione.

Serena Mauriello

Serena Mauriello

Dopo aver insegnato lettere nelle scuole superiori, Serena Mauriello è attualmente dottoranda in Italianistica presso l'Università la Sapienza di Roma. Suoi contributi sono stati pubblicati su importanti riviste specialistiche come Rivista di Studi Italiani o Bollettino di Studi di Italianistica. Ha partecipato attivamente a convegni e seminari sul Medioevo italiano. Nel ambito del giornalismo, scrive principalmente di cultura e società.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button