ESSERE PRESI IN GIRO FA PARTE DELLA VITA, IL POPOLO ROMANO RISPONDE COSI’….

Roma- Nei vicoli del Rione Campitelli si sente:

Nun se frega er Santaro!!!”

Questa espressione sta a significare, mi hai preso in giro una volta adesso non ci casco più.

La tradizione fa risalire questa espressione ad un venditore di santini, un santaro, come erano chiamati allora.

Questo santaro, abitualmente, stazionava davanti Santa Maria in Trastevere e gridava ai quattro venti:

San Giovanni dù baiocchi, er Papa auffa. San Giovanni dù baiocchi er Papa auffa (ossia gratis)!!”

Al sentire queste frasi, si avvicinarono due poliziotti pontifici in borghese che dissero al venditore, “Aripeti un po’?”

Il malcapitato, ripeté la frase e i poliziotti lo picchiarono di santa ragione.

Dopo circa una settimana, il venditore, si posizionò davanti la chiesa di San Andrea della Valle e cominciò a dire:

Sant’Andrea dù baiocchi, er Papa auffa, Sant’Andrea dù baiocchi er Papa auffa!!!”

Sentendo questa frase, dei poliziotti pontifici, si avvicinarono e dissero:

Aripeti un po’?”

Il signore ripeté esattamente la frase pronunciata poco prima e venne malmenato dai poliziotti anche questa volta.

Dopo circa un mese, il santaro, si posizionò davanti Santa Maria Maggiore, e cominciò a dire:

Maria Vergine dù baiocchi, Maria Vergine dù baiocchi!!”

Al sentire questa frase, i poliziotti pontifici che qualche tempo prima avevano malmenato l’uomo, si avvicinarono allo stesso e dissero:

Aripeti un po’?”

l’uomo: “Maria Vergine dù baiocchi”

E er Papa?”

Dissero all’unisono i due, e l’uomo:

E NO, nun se frega er Santaro!!”

Altra espressione usata dal popolo di Roma sullo stesso argomento, recita:

In grolia fra Giovanni, che in cielo te vò Ggesù. M’hai bbuggerato stavorta e nun me bbuggeri ppiù.”

Tradotto:

In gloria frate Giovanni, che in cielo ti vuole Gesù, mi hai preso in giro una volta, adesso nono ci casco più”

In questa simpatica filastrocca, ci sono due correnti di pensiero.

La prima afferma che si pronuncia tal quale, la seconda e che si sostituisce il “Giovanni”, con il nome della persona che ci vuole prendere ancora in giro.

Stefano Campidelli