I Vostri SoldiMicro

FINLANDIA – ITALIA 1-2

L’Italia non si ferma più. Sette vittorie consecutive, punteggio pieno nel girone e davvero vicina ad assicurarsi un posto per Euro 2020.

La Nazionale di Mancini non perdona neanche a Tamperi e porta a casa una vittoria di esperienza e fortuna – dubbio il rigore assegnato agli azzurri – grazie al tiro dagli 11 metri di Jorginho. Un premio giusto per quanto si vede prima del botta e risposta tra Immobile e Pukki – anche lui dal dischetto – che sblocca il punteggio e vivacizza i secondi 45 minuti. Per la qualificazione adesso mancano davvero pochi passi: con 4 giornate a disposizione, l’Italia staccherebbe il pass battendo la Grecia e con un contemporaneo risultato negativo dell’Armenia, impegnata in Liechtenstein. Con una sconfitta di Mkhitaryan e compagni, basterebbe anche un pari agli azzurri. L’ultima possibilità prevede un successo degli azzurri e il contemporaneo ko della Finlandia in terra bosniaca.

Mancini ne cambia 5 rispetto alla formazione uscita vincitrice in Armenia e opta per Immobile in avanti, con Chiesa a destra e Pellegrini avanzato a sinistra. In difesa Acerbi e Izzo vengono preferiti a Romagnoli e Florenzi. Kanerva, invece, sceglie il 5-4-1 e si affida a Pukki come unica punta. La prima palla-gol è proprio della Finlandia, con Toivio che spaventa subito gli azzurri su una palla inattiva, ma il suo tiro in allungo termina oltre la traversa. L’inizio dell’Italia non è positivo e lo si capisce dopo otto minuti, quando Emerson è costretto a uscire per un problema muscolare e cede il posto a Florenzi. La gara non regala grande emozioni, almeno fino al 27’, quando Sensi costruisce la prima occasione per gli azzurri, con un destro in girata al volo che Hradecky smanaccia sulla traversa. Il portiere finlandese si rende protagonista anche su Barella e Chiesa, mentre può solo pregare quando le conclusioni di Immobile – di testa – e ancora Sensi finiscono a un soffio dal palo. L’intervallo contribuisce a riequilibrare l’incontro, ma al 59’ l’Italia colpisce. Chiesa crossa dalla destra, una deviazione allunga la traiettoria in favore di Immobile, che di testa, mette la sfera sotto l’incrocio e ritrova la gioia personale in Nazionale 733 giorni dopo l’ultima volta. Gli azzurri non sfruttano, però, lo spazio a disposizione per sferrare il colpo del ko e incassano ingenuamente il gol del pari. Pukki rientra dalla destra verso il centro, Sensi recupera in ritardo e lo stende: dagli 11 metri l’attaccante del Norwich spiazza Donnarumma e rianima il pubblico. La Nazionale di Mancini, invece, non si fa abbattere e anche grazie ai cambi si riporta definitivamente avanti. Un altro rigore a cambiare il punteggio, questa volta dubbio e assegnato per un tocco di braccio di Vaisanen – aderente al corpo – su tiro di Barella. Per l’Italia lo specialista è Jorginho e il regista del Chelsea indovina l’angolo, regalando il successo agli azzurri.

    LA CLASSIFICA

 

Angelo Sesa 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close