Storie dal Mondo

Finito l’incubo di Tham Luang: i 12 ragazzi fuori dalla grotta.

Conclusa in Thailandia l’operazione di recupero, sono stati portati tutti in salvo i 12 ragazzi ed il loro allenatore, rimasti intrappolati per 17 giorni nella grotta di Tham Luang in Thailandia.

L’ambulanza che lasciava la grotta è stata stamattina il primo segno che anche l’ultimo gruppo rimasto dentro dopo i primi due giorni di soccorsi  – quattro ragazzi e l’allenatore – si avviava verso la libertà: dopo poco sono seguite le altre.

I ragazzi stanno bene fisicamente, ma alcuni di loro hanno problemi di sonno – si legge sul Corriere della sera – I normali sintomi da stress post-traumatico, che non se ne andranno via subito». Sono sotto cura d’antibiotico, qualcuno ha ricevuto un leggero sonnifero. 13.40 Fuori anche l’allenatore. Incubo finito, tutti salvi.

  • 13.27 È fuori dalla grotta anche il dodicesimo ragazzo intrappolato a Tham Luang. Lo riferisce l’agenzia nipponica Kyodo News. All’interno rimane solo l’allenatore che aveva detto di voler esser l’ultimo tratto in salvo. I ragazzini, una volta usciti dal buio, vengono trattenuti brevemente nell’ospedale da campo, poi prelevati in elicottero e portati nell’ospedale di Chiang Rai, dove vengono tenuti in assoluto isolamento per il timore che, con il sistema immunitario indebolito, siano a rischio di infezioni.

 

  • 12.20 Uscito dalla grotta Tham Luang anche l’undicesimo ragazzo. Lo riferisce la CNN. All’interno della grotta dunque rimangono solo due persone, ma per tutti il ritorno all’aria aperta è previsto in giornata.

 

  • 11.36 Fuori anche il decimo ragazzo. Lo riferisce la Reuters, che ha anche visto una persona portata via in barella dalla zona del complesso di grotte. All’interno della grotta dunque rimangono solo tre persone. Per tutti il ritorno all’aria aperta e’ previsto in giornata.

 

  • 11.20 Anche il nono dei ragazzi intrappolati nella grotta thailandese di Tham Luang ne è uscito. Lo riferisce la Cnn. Poco prima si era vista un’ambulanza allontanarsi dalla zona del complesso di grotte. Al terzo giorno di operazioni di salvataggio, in Thailandia, all’interno della grotta dunque rimangono solo tre ragazzi e l’allenatore. Per tutti il ritorno all’aria aperta è previsto in giornata. I ragazzini, una volta usciti dal buio, vengono trattenuti brevemente nell’ospedale da campo, poi prelevati in elicottero e portati nell’ospedale di Chiang Rai, dove vengono tenuti in assoluto isolamento per il timore che, con il sistema immunitario indebolito, siano a rischio di infezioni.

 

  • 10.53 L’Associated Press ha riferito che un’ambulanza ha lasciato la zona dei soccorsi ma non c’è ancora nessuna conferma ufficiale su nuovi recuperi

 

  • 10.36 I giovani calciatori liberati dovranno purtroppo declinare l’invito della Fifa. “Non potranno assistere alla finale dei Mondiali di calcio in Russia, in programma per il 15 luglio, perché dovranno restare in ospedale”, ha dichiarato un responsabile del ministero della Salute.

 

  • 9.00 I ragazzi “stanno facendo qualcosa che nessun bambino prima di loro aveva mai fatto” per uscire dalla grotta, ha dichiarato alla Bbc un membro del team internazionale dei soccorritori, Ivan Karadzic. “Non e’ assolutamente normale”, ha sottolineato, “fare immersioni in grotta per bambini di 11 anni. Si stanno immergendo in un ambiente considerato estremamente pericoloso, in totale assenza di visibilità, l’unica luce è quella delle torce che indossano”. Inoltre il rischio è elevato: “Avevamo ovviamente molta paura di ogni tipo di panico, poi ci sono i possibili malfunzionamenti delle apparecchiature che potete immaginare. Non riesco a definire quanto siano grandi questi piccoli bambini, sono ragazzi incredibilmente forti”, ha concluso.

 

  • 8.11 Declinata l’offerta dell’imprenditore americano, Elon Musk, di portare fuori i ragazzi thailandesi ancora intrappolati nella grotta attraverso un mini sommergibile costruito dalla sua azienda. Lo riferisce il Guardian. “Sebbene la sua tecnologia sia buona e sofisticata, non è pratica per questa missione”, ha dichiarato il governatore di Chiang Rai, Narongsak Osatanakorn. Musk aveva twittato che “il mini sommergibile è pronto, nel caso servisse”. Composto da parte di razzi e chiamato “cinghiale” in onore della squadra dei ragazzi, sarà “lasciato in Thailandia nel caso possa essere utile in futuro”, ha aggiunto il fondatore di Tesla e SpaceX.

Maria Perillo

Maria Perillo è nata a Napoli il 07.12.1983. Graduato dell’Esercito Italiano, blogger, scrittrice e Life Coach. Appassionata di tecniche della comunicazione, attualmente studia presso una scuola di leadership e tecniche di comunicazione

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button