Cronache di Roma

FELICE ANNO NUOVO!

Prima le dimissioni di Renzi poi la l’avvento del nuovo, ma neanche troppo, Governo Gentiloni il 2016 si è concluso aprendo un nuovo anno ricco di incognite. Questo è un breve excursus di ciò che è stato e di ciò che, forse, sarà

RomaChe il 2016 sia stato proficuo è, ancora, tutto da vedere. Per adesso, c’è da prendere atto che l’anno appena trascorso si è chiuso nel peggiore dei modi. Urla, spintoni e tante tante lacrime. Quelle dei dipendenti di Almaviva. La sede romana del call center, infatti, ha annunciato quasi 1700 licenziamenti. Uomini e donne con figli e famiglie, che siamo sicuri non avranno davvero niente da festeggiare il 31 dicembre. Il primo pensiero, o l’ultimo in ordine di tempo, va a loro quindi. Al netto di tecnicismi sindacali, difatti, non è mai piacevole perdere il posto di lavoro. Men che meno a poche ore dal Capodanno e, soprattutto, con questi chiari de luna come dico a Roma.

Messi da parte i doverosi omaggi, è il momento di arrivare al dunque. D’interrogarci su cosa ci ha lasciato il 2016 e cosa, invece, ci riserverà il futuro. Renzi lo ha definito un anno glorioso, testuali parole, e in qualche misura ci sentiamo di accodarci. Certo, è stato l’anno del referendum sulle famigerate trivelle. Quello che non ha raggiunto il quorum e ha, definitivamente, distrutto i sogni di un paese proiettato verso le energie rinnovabili. È stato, però, anche l’anno delle Unioni Civili. Senza stepchild adoption e lontano anni luce dal matrimonio egualitario, certo, ma dopo tutto questo tempo in molti avevano perso la speranza. Il resto, a vostra discrezione.

Per i maggiori Partiti, Pd e M5S su tutti, il 2016 è stato un po’ ballerino. L’ondata di entusiasmo che li aveva accompagnati sembra essere scemata. Il 40% di consensi, che aveva fatto gonfiare il petto a Matteo Renzi, è fortemente a rischio. La causa, una quanto mai errata personalizzazione del referendum costituzionale. La stessa, che gli valsa la sconfitta e, di conseguenza, la ritirata con la coda tra le gambe. Rivitalizzando una minoranza dem, “beccata” a stappare spumante con quasi un mese d’anticipo. Sembra comunque poter dormire sogni tranquilli Matteo, tra i “cospiratori” interni infatti, non c’è nemmeno l’ombra di un avversario adeguato. Chissà cosa riserverà il 2017, però.

La “banda di Beppe”, ha seguito più o meno la stessa iperbole. All’euforia seguita alle prime due, pesanti, vittorie sul campo (vedi Roma e Torino) si contrappongono milleuno scandali di palazzo. A partire dal caso Quarto, passando per le firme false di Palermo arrivando alla nomina di Marra. Non tutti attribuibili direttamente ai cinquestelle, evidentemente, ma comunque capaci di minare il consenso dell’elettorato, ma soprattutto la credibilità politica del Movimento. In casa pentastellata, allora, non rimane che fare ricorso ad un’antica usanza: gettare giù dalla finestra tutti gli oggetti vecchi, nella speranza di scongiurare il ritorno dei fantasmi dell’anno appena trascorso. A buon inteditor poche parole.

Passiamo ora buoni proposito per il 2017. Tra poco più di 24 ore, Sergio Mattarella apparirà in televisione e terrà il suo consueto discorso di fine anno. A reti unificate, come si dice. Un’espressione, che suona quasi profetica per un paese che ha bisogno di unità come del pane. Diviso com’è, tra animosità sociale, paura del terrorismo e fratricidi odi partitici. Siamo sicuri che il Presidente non mancherà di rammentarlo. Questo discorso però, diversamente dal solito, dovrà toccate tasti differenti. Mettendo da parte, se pur utili, le solite raccomandazioni alla responsabilità politica.

Questa volta, l’augurio di fine anno dovrà essere rivolto agli italiani più che mai. Per rassicurarli, che quella impercettibile luce in fondo al tunnel sta per palesarsi in tutto il suo splendore. Che tutti questi anni di sacrifici non sono stati vani. Il 2017 dovrà essere per l’Italia, infatti. L’anno della svolta. Di un cambio di marcia che permetta, finalmente, di uscire dalle sabie mobili in cui siamo impantanati da troppo tempo. O ne uscire tutti insieme o non ne uscire affatto. La differenza la farà la speranza. Quella che animò il paese che si lasciava alle spalle il conflitto e che gli italiani hanno perso. Spazzata via da corruzione, precarietà ed un futuro così incerto da mettere i brividi.

Sono tutti qua i buoni propositi di cui parlavamo. Il primo è rivolto alle migliaia di “giovani cervelli” scappati oltre confine. Che possano ritrovare la speranza di far ritorno a casa, perché qui c’è tanto bisogno di loro. Il secondo, imperativo, va alle vittime del terremoto. A tutti coloro che passeranno l’ultimo dell’anno in una tenta fredda e umida. Perché sia l’ultima. Così come ai soccorritori, che si sono dannati l’anima in tutti questi mesi. La parte buona di questo paese, dalla quale sarebbe bene ripartire per ritrovare un senso d’identità comune.

Quello stesso d’appartenenza che parte dalla Libia, su barche fatiscenti, ed arriva a Lampedusa e poi su fino a Milano. Utile per capire che siamo tutti fratelli su questa terra. Che una vita persa in mare è una tragedia per tutta l’umanità. Per queste ragioni, tra i buoni propositi per il 2017 sarebbe importante trovare una soluzione alle sofferenze di milioni di rifugia in fuga da guerre e carestie. Poi ci sono i cervelli di casa nostra, che con eccezionale sadismo hanno scelto di restare. A loro va l’augurio più grande. Che con lo scoccare della mezzanotte, come per magia, spariscano vaucher e disoccupazione giovanile. Questa, però, è la notte di Capodanno non la notte Halloween.

 

Mattia Bagnato

Tags

Mattia Bagnato

E’ laureato in Relazioni Internazionali con una specializzazione in Diplomazia multilaterale e sicurezza collettiva presso l’Università degli Studi di Perugia. Attento alle questioni internazionali come la sensibilizzazione e la tutela dei diritti umani e i metodi di risoluzione dei conflitti internazionali. Ha un diploma in Diritto Internazionale Umanitario e un Diploma in risoluzione di conflitti internazionali presso l’Universidad Complutense de Madrid. Ha collaborato con diverse ONG italiane quali Oxfam Italia e la Tavola della pace di Perugia. Esperienze professionali alle quali si aggiunge un periodo di stage presso l’Ufficio relazioni internazionali e cooperazione allo sviluppo dell’Università di Granada. Attualmente, sta collaborando con il giornale on-line Ghighliottina.it per il quale si occupa di scrivere articoli di politica nazionale ed economia.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close