Continuano le aperture serali straordinarie estive del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Oltre al dimezzamento del prezzo del biglietto, numerose conferenze, visite guidate, aperitivi e mostre accompagnano i turisti e i visitatori in un lungo viaggio nella storia etrusca.

Ieri, sabato 25 agosto, si è tenuta a Roma una delle aperture serali straordinarie del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, con un’estensione dell’orario fino alle 23.00. Un’occasione unica per trascorrere alcune ore nel Museo più rappresentativo della civiltà etrusca e, al contempo, una delle Ville più affascinanti del Rinascimento italiano, approfittando del fresco serale, al costo eccezionalmente scontato di 4 euro (ridotto a 2 per i cittadini dell’Unione Europea di età compresa fra i 18 e i 25 anni e gli altri aventi diritto). I minorenni, e gli altri aventi diritto, oltre ai titolari dello speciale abbonamento al Museo, godranno come sempre accesso gratuito. Il biglietto, acquistabile dalle 19.30 alle 22.15, comprende visite tematiche e attività gratuite..Se il caldo asfissiante di fine Agosto tiene i più pigri lontani dai Musei, ora i turisti non hanno più scuse: continua (e continuerà fino a Dicembre) l’iniziativa “Etrusco di Sera”, la rassegna estiva che trascina i visitatori nel mondo degli Etruschi, i primi dominatori dell’Italia Centrale. Oltre al prezzo ridotto del biglietto, il Museo di Villa Giulia offre per queste serate una vasta varietà di servizi interessanti, dalle visite guidate agli aperitivi a tema. Gli ospiti del museo hanno dunque l’opportunità di poter conoscere meglio la civiltà degli Etruschi, un popolo che, pur non avendo lasciato alcuna testimonianza letteraria vera e propria, vantava una produzione artigianale molto cospicua ed era coinvolta in una vivace e dinamica rete commerciale. Dai vasi d’importazione greca ai ricchissimi corredi funebri, e dagli acroteri dei templi alle armi da battaglia: queste e molte altre meraviglie sono conservate nelle sale del Museo di Villa Giulia, come perpetua testimonianza di un popolo, quello etrusco, la cui gloria viene spesso occultata dai Fasti della Roma antica. Ancor meno considerati sono i Falisci, ovvero gli antichi abitanti del Viterbese, i cui resti e manufatti sono esposti nella parte finale del percorso. La considerevole affluenza di visitatori fa ben sperare che anche nelle prossime “serate etrusche”, i Museo di Villa Giulia accoglierà numerosi turisti. Non ci resta che attendere la data del prossimo “Etrusco di sera”.

Servizio, montaggio e riprese di Michele Porcaro