Dossier

ENNESIMA PROMESSA TRADITA

Si torna a parlare dei fondi per le Politiche sociali e per le non autosufficienze; ancora una volta parole al vento e accordi non rispettati.

Il governo non ha mantenuto la parola” queste le parole dell’assessore lombardo all’economia Massimo Garavaglia che commenta il decreto con la manovra e l’assenza delle risorse attese per il welfare per recuperare i tagli al fondo per le Politiche Sociali e quello per le non autosufficienze.

Sul tavolo ci sono 50 milioni di euro che erano stati promessi dal ministro Poletti in aggiunta ai 450 già stanziati come fondo per le non autosufficienze. Il problema è che i soldi sono spariti di nuovo. Non è bastato il presidio permanente indetto dal comitato 16 novembre che si occupa di tutelare disabili gravissimi e malati di Sla. Fondi extra per i quali molti malati gravi avevano sfidato il gelo accampandosi sotto il ministero dell’economia.

Il caso, infatti, era già scoppiato a Marzo, quando i risparmi imposti dalle Regione sono andati ad incidere pesantemente su i due fondi. Il nuovo accordo prevedeva un taglio di diversi milioni, rispettivamente di 450 e 99,7 milioni, così da poter risanare l’obiettivo di finanza pubblica.

Il fondo destinato alle persone non autosufficienti, quindi, non solo scende di livello ma perde anche i 50 milioni aggiuntivi che il ministro del Lavoro Poletti aveva promesso. Le associazioni, così, scendono in piazza risolvendo la situazione con l’ennesima promessa, prontamente tradita. Quel giorno, al termine della conferenza delle Regioni, il vicepresidente della regione Basilicata rende nota la volontà di predisporre 210 milioni a favore del fondo per le Politiche Sociali e si spinge oltre, dichiarando che i governatori si sarebbero impegnati nel mettere a disposizione delle famiglie dei disabili gravi 50 milioni.

Ad oggi l’ennesimo dietrofront; ennesima promessa non mantenuta e tradita. La preoccupazione riguarda soprattutto l’ipotesi che manchino risorse per garantire lo studio alle persone disabili; immediata la risposta della associazioni che dichiarano di battersi prontamente affinché ogni diritto venga garantito e se necessario daranno battaglia anche nelle aule di tribunale.

Francesca Interlandi

Tags

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close