Se qualcuno ha mai sognato di volare, non con un aereo ma, diciamo, in solitaria, oggi la cosa sta cominciando a divenire possibile. Yves Rossy, pilota miliare e appassionato di aviazione, ha infatti sviluppato da qualche anno a questa parte un modello funzionante di Jet-pack. La proposta di Rossy consiste fondamentalmente in un sistema di tuta alare (o con le ali, che dir si voglia) comprendente delle ali semi-rigide in fibra di carbonio, simili a quelle di un aereo, con un’apertura di circa 2,4 metri. Tale sistema può contare su turbine Jetcat P400 generalmente usate per modelli di aerei, droni o, appunto, jet-pack.

Che il modello inventato da Rossy funzioni è dimostrato da diversi video che girano su youtube. Da quello in cui un jetman vola insieme allo stormo di 8 Alpha Jets del team acrobatico francese, i Patrouille de France, a quello in cui non si fa problemi a planare attorno ad un A380 nei cieli di Dubai. Oltre a voli accanto ad altri aerei, il curriculum di Rossy è ben condito da sorvoli di luoghi suggestivi e famosi, come quello attorno al Monte Fuji in Giappone, quello sul Grand Canyon e quello sullo Stretto di Gibilterra. Insomma, di esperienze di volo il Jet-pack di Rossy, ormai conosciuto come Jetman, ne ha parecchie quindi, a tutti gli appassionati di aviazione, non resta che aspettare che il modello Rossy sia messo in commercio o che, almeno, sia messo a disposizione per un giretto.

Federico Molfese