Dive cheap style. Anche per gli eventi più modalioli

Roma-  Le vedi sfilare sul lor tappeto rosso e ti domandi ” Possono farlo giusto loro visto quanto costano gli abiti che indossano” . Invece no, sembrerebbe proprio che ora la tendenza sia cambiata e che i meravigliosi vestiti che vedete indosso alle nostre stratosferiche dive siano Abiti da poche decine di euro. E anche la notte degli Oscar ci da svariati esempi. Le star  hanno capito che non conta il prezzo dell’abito o quanto la marca sia così prestigiosa…basta il loro sex appeal a rendere ogni mise sempre più chic. E, forse, anche snob. Tra le tante possiamo notare Solange Knowles, che agli MTV Video Music Awards  ha solcato il red carpet con un applauditissimo completo giacca e pantalone nero, decorato da una miriade di strass blu, firmato H&M. Le grandi firme sono ormai diventate fuori moda  per le nostre stupende dive  che ora  sembrerebbero preferire marchi molto più economici.

Ma non è di certo. Perché la moda low cost è stata definitivamente sdoganata dalle star. Che, notoriamente, non hanno grossi problemi di budget per i loro acquisti fashion. E che, soprattutto, non scelgono di indossare abiti “smart price” solo nei momenti casual,  ma anche sul tappeto rosso degli eventi più prestigiosi. C’è persino chi, infatti, ha indossato un abito low cost anche nella più glamorous delle notti dell’anno hollywoodiano, quella degli Oscar, ottenendo comunque consensi unanimi.  

O chi, al Met Gala – l’evento che ogni anno celebra la moda americana con una mostra grandiosa e con un ancor più grandioso party – ha “osato” indossare abiti da poche centinaia di euro. E persino duchesse e first ladies non disdegnano il genere. Questa è la chiara testimonianza che sono tanti i requisiti affinchè un outfit sia degno di nota: il modello, il colore, l’accostamento tra una gonna e un top, o una giacca e un pantalone oppure la scelta degli accessori e delle scarpe. Daltronde, diciamoci la verità, la classe è come si indossa un abito e non quanto questo possa costare, anche perchè solitamente il cartellino con il prezzo lo buttiamo una volta comprato il capo che vogliamo. Perché vestire low cost, forse, è ancora più snob e chic allo stesso tempo di vestire griffe da Fifth Avenue. Almeno per le star.

 

Francesca Nulli