Storie dall'Italia

“Censurata perché rappresento i nuovi italiani”. PARLA RULA JEBREAN

La sua mancata partecipazione è diventata un vero e proprio caso politico, che ha visto nomi illustri ed esponenti di spicco dire la loro sull’assenza della Jebreal al prossimo festival di Sanremo.

Lei non aveva mai parlato, anche quando la sua partecipazione sembrava certa ma ora che tutto sembra essere sfumato, Rula  ha deciso di dire la sua attraverso le pagine di Repubblica. Intervistata da Gad Lerner, la giornalista israeliana, naturalizzata italiana, ha raccontato di aver visto Amadeus solo una volta durante l’incontro in un hotel di Milano per discutere di Sanremo. Il conduttore ha impressionato la Jebreal per l’impegno organizzativo profuso, non solo per celebrare la canzone italiana nel settantesimo anniversario del Festival, ma anche per portare su un palco così prestigioso il tema della violenza contro le donne. A tal proposito, Rula Jebreal avrebbe voluto portare sul palco dell’Ariston due nomi molto forti: “Abbiamo progettato di coinvolgere Michelle Obama o, in alternativa, Oprah Winfrey. (Amadeus, ndr) era entusiasta, mi ha incoraggiato, felice di portare a Sanremo queste donne meravigliose.

La giornalista sarebbe dovuta salire sul palco del Festival il 4 febbraio nel corso della serata inaugurale, durante la quale avrebbe portato un monologo sulle donne e contro la violenza. Aveva già iniziato a lavorare a questo progetto ma lo stop definitivo è arrivato sabato 4 gennaio e Rula Jebreal ha deciso di svelarne i retroscena: “Mi hanno telefonato pregandomi di farei io il passo, di rinunciare spontaneamente. Mi sono rifiutata. Gli ho mandato un messaggio scritto: se volete censurarmi dovete essere voi ad assumervene la responsabilità. Ma, voglio ripeterlo, Amadeus non ha nessuna colpa.

La giornalista respinge gli attacchi che le sono stati mossi e non si ritiene una persona che odia e denigra il Paese di cui è cittadina ma dice di essere grata all’Italia. Afferma che la sua presenza è “un’occasione ideale di apertura al mondo su tematiche che non sono né di destra né di sinistra.” Dal suo punto di vista, le critiche alla sua presenza nascono dalla paura di una fetta di Paese di dare visibilità a “italiani nuovi, persone come me che appartengono a un’Italia inclusiva, tollerante, aperta al mondo, impegnata in missioni di dialogo e pace.” La Jabreal all’estero ha lavorato, e lavora ancora, come esperta di Medio – Oriente in numerosi network della televisione, con Gad Lerner critica Matteo Salvini e il clima che si respira: “In Rai c’è un brutto clima e gli attacchi sono partiti da persone a lui vicine. Trasmettono un’immagine chiusa, vecchia, dell’Italia.

Rula Jebreal è già pronta per nuovi impegni televisivi, ma fuori dall’ Italia. “Volo aNew York perché Msnbc vuole che partecipi alle sue trasmissioni sulla crisi USA – Iran. Con i miei migliori auguri ad Amadeus“.

Maria Perillo

Maria Perillo è nata a Napoli il 07.12.1983. Graduato dell’Esercito Italiano, blogger, scrittrice e Life Coach. Appassionata di tecniche della comunicazione, attualmente studia presso una scuola di leadership e tecniche di comunicazione

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button