Storie dall'Italia

Caro 2017, speriamo tu sia l’anno buono

Ad una settimana dal referendum, che ha dato come risultato quella che ormai tutti chiamano la Renxit, oltre a fare qualche bilancio su ciò che accadrà al paese è il caso di pensare anche a cosa porterà il nuovo anno.

Ogni anno porta con sé avvenimenti, occasioni, opportunità colte ed altre passate senza essere afferrate. Non esiste l’anno perfetto, in cui tutto va per il verso giusto, anzi sono più le volte in cui questi 365 giorni non fanno altro che invogliarci a guardare avanti, con la stessa speranza di ogni fine dell’anno: “speriamo che questa volta sia l’anno buono”.

Ma non possiamo iniziare il nuovo anno senza prima prepararci, anche solo mentalmente, a ciò che ci aspetta. Cosa pensavate che per questo 2017 ci saremmo liberati delle profezie ? Se lo pensavate…  vi siete sbagliati.

Ebbene si, il caro Nostradamus, il profeta più importante della storia, era così affezionato a noi popoli del futuro che non poteva lasciarci impreparati, e grazie ai suoi versi, che molti studiosi dichiarano di aver interpretato, ci mette in guardia da terribili minacce.

La prima tra tutte è l’arrivo sulla Terra di enormi meteore che provocherebbero una strage epocale, con tanto di terremoti e tsunami. Le interpretazioni vogliono che ad arrivare sul pianeta non siano vere e proprie meteore ma altri pianeti scoperti da poco. Fatto sta che la quartina di Nostradamus recita: “la Luna sarà accecata e due soli si vedranno sulla Terra”.

Ma non finisce qui. Ad aggiungersi ai disastri naturali sono l’eruzione del Vesuvio e il terribile terremoto che dovrebbe cancellare per sempre la California e parte degli Stati Uniti. Per nostra fortuna il famoso profeta non aveva soltanto visioni negative, ma nei suoi momenti di scoperta storica era raggiunto anche da previsione positive.

Pensate che per quest’anno è prevista la caduta di tutte le barriere linguistiche. Basta problemi di incomprensione e difficoltà ad interloquire con nativi di altri paesi, finalmente ci saranno dei macchinari in grado di tradurre e farci comprendere da tutti. Lo so cosa state pensando. Si, il caro Nostradamus qui è arrivato in ritardo, ma ci è arrivato. Quindi forse le sue profezie sono vere? O forse semplicemente si tratta di sviluppo?

Non lo so, sta di fatto che con l’arrivo del 2017 si inizierà a parlare addirittura con gli animali e il vostro cane finalmente potrà dirvi tutto quello che in questi anni avrebbe voluto e magari mandarvi a quel paese per le poche volte che lo avete portato fuori.

Ma la profezia più importante, che speriamo con tutto il cuore sia vera, è la scoperta di metodi scientifici che porterebbero alla totale scomparsa di malattie come il cancro e l’aids. Questo si che sarebbe un grande passo verso il futuro.

Detto questo, festeggiate questi ultimi giorni di 2016 senza pensieri e affrontate il nuovo anno come meglio credete, anche perché se dovessimo sopravvivere, per il 2018 è già pronta una bella apocalisse in stile Armageddon. Sembra proprio che, oltre a dover subire crisi economiche, crisi di governo, disoccupazione, ci tocchi scontare pure il prezzo del disastro naturale.

Tags

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close