Dossier

BIMBO VITTIMA DI UNA RAPINA

A poche settimana dal’approvazione della legge sulla legittima difesa, l’ennesimo caso di furto in appartamento, ma questa volta a rimetterci è un bambino.

 I genitori sono appena usciti di casa per andare a lavoro, il figlio di 10 anni, di li a poco avrebbe preso lo scuolabus, quando due uomini suonano al campanello. Il piccolo chiede chi è, e i due si spacciano per due amici del papà e della mamma.

Basta un piccolo spiraglio della porta per permettere ai due di intrufolarsi in casa e pestare il piccolo con una mazza da baseball, rendendolo innocuo e derubarlo di appena 40 euro.

Il blitz è durato pochi minuti, breve lasso di tempo durante il quale il bimbo riesce ad inviare un sms ai genitori per chiedere aiuto. La mamma e il papà allertano immediatamente i vicini, invitandoli a vedere cosa sta succedendo. Quando la donna arriva trova il bambino sotto choc, spaventato e in attesa di ricevere aiuto.

All’arrivo dei carabinieri, però, non c’è più nulla da fare. I due ladri sono scappati e si stanno ancora cercando le loro tracce. Intanto il bambino è stato portato in ospedale ed è stata raccolta la sua deposizione.

Bagnolo Po, paese in cui è avvenuta l’aggressione, è sotto choc; c’è chi sostiene che si sia trattato di un avvertimento e che qualcuno stesse tenendo sotto controllo i genitori già da tempo, studiandone gli spostamenti, specie quelli legati agli orari di lavoro. Pensando di trovare la casa vuota, i due ladri  si ritrovano di fronte ad una situazione che non sanno gestire e per questo prendono solo pochi euro.

Sono molti gli aspetti da chiarire su cui i carabinieri stanno lavorando.

Francesca Interlandi

Francesca Interlandi

Ha iniziato con KIM la sua carriera giornalistica. Un amore nato da piccola, dalla passione per la scrittura che le permetteva di esprimere quello che a parole non riusciva a comunicare. 24 anni, è laureata in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha collaborato come stagista in una redazione giornalistica, scrivendo di eventi, cinema e cucina; ma ciò che la affascina davvero sono le storie di fatti reali, meglio se poco conosciuti.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button