Micro

Beach Rats: l’omofobia è un problema ancora attuale

Un film che ci ricorda come l'omofobia sia un problema ancora ben presente nella mentalità e nelle dinamiche sociali attuali

Periferia di Brooklyn, New York, giorni nostri, piena estate. Un adolescente bianco, piacente e virile passa le sue giornate fra piccole scorribande con i suoi amici, droga e chat online con sconosciuti.

“BEACH RATS”: LA DOPPIA VITA DI FRANKIE

Apparentemente Frankie è un ragazzo come tanti altri: etero, annoiato, ribelle, in cerca di sesso facile. Ma l’apparenza, anche in questo caso, inganna. Frankie, infatti, finge di essere eterosessuale e vive una doppia vita: ragazzo sexy e maschile quando è in compagnia dei suoi amici, adolescente fragile, insicuro e segretamente omosessuale quando è solo.

Una scena del film “Beach Rats” (2017)

Frankie vive in casa con il padre malato terminale di cancro, una madre assente e depressa e una sorella minore in piena fase di pubertà. Quando il padre viene a mancare, la vita del protagonista va in frantumi: il velo di apparente normalità inizia a sgretolarsi e il precario equilibrio su cui ha costruito il suo personaggio si rompe.

La ragazza che aveva iniziato a frequentare per nascondere la sua attrazione verso gli uomini decide di lasciarlo quando Frankie cade nel circolo vizioso della droga. I suoi amici, intrappolati in un’esistenza piatta e senza prospettive future, non si accorgono della sua confusione e delle sue debolezze. La madre tenta di tirarlo fuori da questa spirale di degrado e di sofferenze ma senza troppo impegno, anche lei destinata ad essere schiacciata dalle circostanze.

Frankie inizia così a incontrare di persona gli uomini maturi con cui chattava online e a consumare con loro rapporti sessuali occasionali nella radura ai bordi dell’autostrade o in squallidi motel. Frankie cerca quella sicurezza e quel senso di protezione che i suoi genitori non gli hanno mai fornito. Li cerca fra le braccia di uomini più grandi, sposati o scapoli, che vedono in questo bel ragazzo dagli occhi chiari soltanto un giovane corpo da usare.

Intrappolato in un’esistenza costruita su bugie e desideri nascoste, il protagonista è destinato ad essere vittima di sé stesso e delle sue fragilità, incapace di spezzare le catene del conformismo e del machismo che caratterizzano la sua comunità e i rapporti con i suoi coetanei.

Beach Rats (2017)

UNA SESSUALITÀ NEGATA

Il titolo della pellicola fa riferimento all’espressione beach rats, che in slang identifica i ragazzi che frequentano Gerritsen Beach, una zona di Brooklyn (New York) abitata soprattutto da comunità di origine irlandese, e quindi tradizionalmente cattoliche.

Il film è stato presentato in anteprima, nel 2017, al Sundance Film Festivaldove Eliza Hittman ha vinto il premio per la miglior regia.  In Italia è stato distribuito nel 2019 sulla piattaforma streaming di Netflix.
Il protagonista è interpretato da uno strepitoso Harris Dickinson (lo avrete visto nella prima stagione della serie televisiva Trust (2018), dove interpreta il ruolo di John Paul Getty III), che ricopre il ruolo del “belloccio”, perfettamente inserito nel contesto sociale di riferimento e molto apprezzato dalle ragazze, incapace però di accettare la sua vera natura e le sue inclinazioni.

“È figo quando due ragazze si baciano” dice Simone, la ragazza frequentata da Frankie. “E pensi sia figo quando sono due uomini a baciarsi?” le chiede. “No, non è figo, è solo gay.”

In Beach Rats, ambientato ai nostri giorni, la sessualità non viene vissuta in modo libero e consapevole, ma è rinchiusa all’interno di una gabbia costituita da stereotipi, omertà e ipocrisia. La Hittman ci trasporta all’interno del microcosmo delle grandi periferie urbane, dove sesso, droga e delinquenza scandiscono le giornate degli abitanti e dove machismo e ostentazione della virilità rappresentano i prerequisiti dell’accettazione sociale per gli adolescenti.

Alessandro Mancini

Direttore editoriale e fondatore di Artwave. Laureato in Letteratura e Linguistica italiana, appassionato di fotografia e di arte, inguaribile sognatore, ritardatario senza speranze. Cerco la bellezza nei dettagli.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button