Gustatio

ALTROVE, A OSTIA…MA “ALTROVE”

Sulla spiaggia dello stabilimento “La Vela”, la storia di due giovani di Ostia che hanno fatto del loro stile di vita, la filosofia di un chiosco sulla spiaggia.

Roma- Che cos’è l’altrove? Quello in senso figurativo è uno spazio indefinito. Un qualcosa da oltrepassare. Un confine da valicare. E di voglia di andare, ogni estate ne è piena. Lasciarsi alla fuga e anche solo guardare l’orizzonte per perdersi in pensieri e fantasie. A Ostia, l’“Altrove” c’è e quasi lo tocchi. Come se dalla metafisica si spostasse alla realtà. Un posto tra l’infinito del mare e il rosso dei tramonti che solo una città come questa può regalarti.

E’ un po’ la sintesi della storia di due giovani che guardano “Altrove”, andando anche contro la crisi del momento. Sfidarla e assaporare il gusto della libertà delle proprie scelte. Così hanno aperto un chiosco in riva al mare, dove poter trovare un rifugio, anche solo per il tempo di un drink, dal caos della vita. Una voglia di evasione come quelle sognate e raccontate da Stevenson, Swift, Chatwin. Qui c’è molto di più: uno stile di vita. “Lascio che le cose mi portino altrove, non importa dove”, è una frase di una canzone di Morgan, intitolata appunto “Altrove”.

“Per noi – raccontano Cinzia e Carlo – ha un valore astratto, un posto indefinito che non deve essere dettato da leggi o pensieri prestabiliti, dove ognuno è libero di esprimere il proprio essere. Questa è la filosofia ed è un po’ ciò che vorremmo dare a questo chiosco in riva al mare. L’intento é quello di creare un ambiente sereno dove passare momenti di serenità e spensieratezza. A domenica alternate faremo aperitivi con dj set, ma tutti i pomeriggi è possibile sorseggiare gustosi cocktail”.

Un po’ come Hemigway che scriveva sorseggiando mojito dalla sua terrazza. Altrove non significa necessariamente lontano. Contiene in sé i concetti di alterità e di luogo, non di distanza. Tiziano Terzani scriveva: “Ogni posto è una miniera. La miniera è esattamente dove si è: basta scavare”. Le onde si infrangono sul bagnasciuga. La gente è bella e brinda a mille successi e speranze.

Se decidi di perderti nel mondo, qui sei nel posto giusto.

Emanuele Cheloni

Tags

Emanuele Cheloni

È laureato in Scienze Religiose, Summa cum Laude probatus e menzione accademica, presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, con una tesi su "L' umanesimo di Gesù: universalità ed universalismo". È giornalista iscritto all'Ordine Nazionale ed è impegnato a Roma con la Società San Vincenzo de' Paoli, nell'ascolto e aiuto delle difficoltà e povertà urbane. È professore di Religione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close